meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Mer, 20/11/2019 - 20:50

data-top

mercoledì 20 novembre 2019 | ore 21:39

Dal corpo al mito

Magenta - Dam, Dal corpo al mito

E’ un viaggio intorno all’umano e al divino la mostra in programma dal 29 settembre al 5 novembre alla Galleria DAMarte di Magenta, ma anche un’indagine sulla moderna lettura del corpo, visto oggi, per molti versi, come l’unico autentico mito contemporaneo.
Erica Campanella e Nicola Biondani, con la freschezza d’espressione degli artisti ancora giovani unita a una maturità di linguaggio capace di sottigliezze e profondità sorprendenti, danno vita a un racconto a due voci ricco e convincente. Un percorso per contrasti e contrappunti, in cui, opera dopo opera, lo sguardo passa dalla luminosità degli oli alla bruna materia delle sculture in un ipnotico gioco di sponda.
Una ventina le opere in mostra di Campanella, tra lavori su rame, ottone, similoro e carta. Protagoniste sono splendide dee contemporanee perse nella contemplazione della loro bellezza. Levigatissime, a tratti quasi gelide, comunicano una gioia immediata ma anche un’inquietante senso di precarietà, per il contrasto tra le zone dipinte ad altissima definizione e quelle lasciate incompiute, gocciolanti, come ritratti di fantasmi colti nell’attimo in cui stanno per sparire. Il metallo luminoso dei fondi, escamotage tecnico che regala alla pennellata una morbidezza serica, le consacra icone.
Eroi sconfitti sono invece i personaggi che Biondani propone in mostra, realizzati in bronzo o con la tecnica della terracotta patinata dagli effetti caldi e dorati. La pelle levigata delle dee dipinte lascia il posto a una carne caduca, segnata dal tempo e dal dolore, resa dallo scultore con una sbalorditiva padronanza della materia. Dedalo, Icaro, Nettuno, Penelope raccontano storie antiche e modernissime, dove la spinta a un volo impossibile o l’attesa disperata diventano struggenti metafore di questo scorcio di millennio. Alessandra Redaelli.

Rispondi