meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue, leggera pioggia 17°
Gio, 23/05/2024 - 17:50

data-top

giovedì 23 maggio 2024 | ore 18:36

CESVI in Turchia: "Sudest in ginocchio"

"La crisi nelle zone colpite dal sisma andrà ben oltre i tre mesi di stato d’emergenza previsti: è fondamentale prevedere aiuti materiali e psicologici a lungo termine". A lanciare l’allarme è Lorena D’Ayala Valva, vicedirettrice generale e responsabile per le emergenze di Fondazione CESVI, attiva in maniera particolare nelle province turche di Kahramanmaraş e Adiyaman, tra quelle maggiormente devastate ma meno raggiunte dagli aiuti internazionali.
Attualità - Terremoto in Turchia

"La crisi nelle zone colpite dal sisma andrà ben oltre i tre mesi di stato d’emergenza previsti: è fondamentale prevedere aiuti materiali e psicologici a lungo termine". A lanciare l’allarme è Lorena D’Ayala Valva, vicedirettrice generale e responsabile per le emergenze di Fondazione CESVI, attiva in maniera particolare nelle province turche di Kahramanmaraş e Adiyaman, tra quelle maggiormente devastate ma meno raggiunte dagli aiuti internazionali. "Nelle dieci province turche più colpite dal terremoto – aggiunge – vivevano 13,5 milioni di persone: oltre 2,2 milioni sono sfollate altrove, ma per chi resta è urgente la necessità di aiuti e riparo in questo gelido inverno. Ai traumi psicologici della tragedia si aggiunge il rischio di gravi malattie, da quelle respiratorie al colera. Raggiungeremo, nei prossimi 6 mesi, 25 mila persone su vari fronti, dalla distribuzione di beni salvavita all’assistenza psicologica per adulti e bambini". Oltre quindici giorni dopo il sisma del 6 febbraio in Turchia, mentre almeno altre 3.170 scosse hanno fatto tremare anche parte della Siria, più di un milione di persone è rimasto senza casa, con almeno 260mila abitazioni in oltre 50mila edifici in via di demolizione nei 10 governatorati turchi più colpiti[1]. Mentre i morti sono ormai più di 46mila nei due Paesi, destinati ad aumentare perché migliaia di vittime sono ancora sotto le macerie. CESVI si è attivata immediatamente con le ONG partner della rete europea Alliance2015, che sta concentrando i propri sforzi per fornire beni salvavita, kit per l’igiene (sapone, fazzoletti, assorbenti e pannolini), costruzione di bagni pubblici e assistenza psicologica. Nelle prime fasi della risposta in Turchia, saranno almeno 3mila le tende che ospiteranno circa 15mila persone, con particolare attenzione a quelle più vulnerabili e a rischio, come donne, persone con disabilità e anziane. Sarà inoltre coordinata la fornitura di materassi, coperte, luci a led, kit per cucinare, equipaggiando anche rifugi e centri informali. Viste le temperature sotto lo zero, il riscaldamento è una delle esigenze più critiche che sinora non trovano risposta, quindi saranno distribuite soluzioni di riscaldamento, tra cui stufe elettriche. Saranno inoltre allestiti e gestiti servizi igienici in almeno 250 punti, garantendo l’accesso a circa 5mila persone (incluse quelle con disabilità). Coordinando due organizzazioni locali e formando personale sul posto, CESVI dispiegherà inoltre due unità mobili per l’assistenza psicologica alle persone colpite da traumi e altri problemi psicologici comuni dopo i terremoti (legati alla perdita di cari, all’aver perso la casa, all’essere rimasti sotto le macerie, etc). Gli specialisti forniranno servizi d’ascolto e assistenza sia ad adulti sia a bambini, di gruppo e individuali. Per i bambini, inoltre, degli animatori proporranno attività ludiche e ricreative, con cui aiutarli ad affrontare il dramma vissuto. In Siria sarà fornita assistenza di emergenza per riparare infrastrutture critiche per l’approvvigionamento di acqua e strutture sanitarie nelle aree di Aleppo e Idleb. Nel frattempo, le attività saranno affiancate da formazione agli abitanti, per renderli consapevoli dei rischi che correrebbero tornando alle proprie case, dato che il rischio di nuove scosse e di collasso degli edifici resta alto. Molte persone dormono infatti in auto o si rifugiano in tende davanti alle proprie case danneggiate, in tutte le province più colpite.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento