meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 20°
Lun, 04/07/2022 - 23:20

data-top

martedì 05 luglio 2022 | ore 00:15

Il sostituto procuratore Franco Belvisi a scuola

Sguardi attenti, grande partecipazione. E, soprattutto, la consapevolezza di dover ricordare quella storia per riaffermare un messaggio di pace e legalità. Gli studenti delle scuole di Castellanza hanno preso parte a un incontro organizzato dall'Amministrazione comunale nell'aula magna dell'istituto 'Carolina Albasi' con il sostituto procuratore Franco Belvisi.
Castellanza / Scuole - Il sostituto procuratore Franco Belvisi

Sguardi attenti, grande partecipazione. E, soprattutto, la consapevolezza di dover ricordare quella storia per riaffermare un messaggio di pace e legalità. Gli studenti delle scuole di Castellanza hanno preso parte a un incontro organizzato dall'Amministrazione comunale nell'aula magna dell'istituto 'Carolina Albasi' con il sostituto procuratore Franco Belvisi. Tema conduttore: la giustizia. L'occasione è stata la commemorazione dei delitti dei giudici antimafia Giovanni Falcone e Paolo Borsellino uccisi con due attentati il 23 maggio e 19 luglio 1992. Con Falcone perirono la moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Di Cillo e Antonio Montinaro, con Borsellino gli agenti della scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muti, Eddie Cosina e Claudio Traina. Tutti avvolti nell'abbraccio affettuoso e commosso dei giovani castellanzesi. "La mafia - ha ricordato il sindaco Mirella Cerini - che può sembrare un fenomeno lontano da noi, in realtà è presente in mezzo a noi, voglio ricordare che recentemente a Castellanza sono stati confiscati due immobili per attività mafiosa, strutture che sono state poi donate al comune e che noi abbiamo ridato alla collettività affidandole ad associazioni di volontariato". Belvisi si è soffermato su giustizia e legalità partendo dalla raffigurazione dell'immagine della dea iustitia "con gli occhi bendati, la spada sguainata e una bilancia appesa a un braccio". Simboli che, ha sottolineato, "Stanno a significare le tre caratteristiche fondamentali che deve avere chi amministra la giustizia, occhi bendati che rappresentano l'oggettività di un giudice nel giudicare, spada sguainata che simboleggia l'autorità e la forza della legge perchè venga rispettata e bilancia, emblema dell'equilibrio, della ponderatezza mediante la quale un giudice soppesa le ragioni di chi ha davanti". Nel novero degli argomenti anche uno dei cancri del mondo giovanile, il bullismo e il cyberbullismo. "La tecnologia - ha precisato Belvisi - ha aggravato ulteriormente la questione del bullismo e io sono convinto che le scuole debbano sensibilizzare maggiormente i ragazzi su questo fenomeno, le vittime di bullismo non sono persone deboli bensì persone miti, se vedete un amico o anche uno sconosciuto maltrattato da un bullo, vi prego, intervenite e segnalatelo alle autorità preposte". Belvisi ha sottolineato poi come "Falcone e Borsellino diedero la vita per i valori in cui credevano e non hanno mai fatto un passo indietro nonostante la paura e il terrore, oggi è soprattutto la ndrangheta ad avere più potere in Italia, con forte influenza anche in Lombardia ". Un messaggio che gli studenti hanno fatto loro come monito a farsi promotori di pace e legalità nel loro quotidiano.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento