meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 17°
Lun, 27/09/2021 - 10:20

data-top

lunedì 27 settembre 2021 | ore 11:22

Asst Valle Olona: incremento pazienti Covid

Sono in tutto, ad oggi, 14 i pazienti Covid ricoverati negli ospedali ASST Valle Olona. Incremento rispetto ai giorni scorsi.
Salute - L'ospedale di Busto Arsizio

Sono in tutto, ad oggi, 14 i pazienti Covid ricoverati negli ospedali ASST Valle Olona. Più nello specifico, 8 si trovano nel reparto di Malattie infettive di Busto Arsizio (di cui uno con casco Cpap), 3 a Gallarate e 3 a Saronno. L'età media, poi, è di 57 anni, mentre attualmente in accertamento per sintomatologia riconducibile a infezione da Sars-CoV-2 ci sono 7 persone in Pronto soccorso a Busto e 2 a Saronno. Afferma il direttore sanitario dell’ASST Valle Olona, dottor Claudio Arici: “Non nascondo la preoccupazione sul sensibile e inaspettato incremento di ricoveri Covid nelle strutture dell’azienda nelle ultime 72 ore. Venerdì scorso c’erano solo due ricoverati in area Covid, ma nel weekend appena passato il bisogno di letti di degenza è vorticosamente salito, ben al di sopra della disponibilità di letti riservata ai pazienti Covid nel reparto di Malattie infettive. Le direzioni mediche sono state, quindi, impegnate per l’attivazione di posti letto aggiuntivi nel presidio di Busto. Nelle scorse ore ho rivisto con le stesse direzioni mediche tutti i piani che avevamo predisposto e, oltre all’incremento dei posti letto dedicati ai pazienti Covid a Busto (da 8 previsti a 18), sarà riaperta un’area Covid a Saronno per un massimo di 8 posti letto e stiamo predisponendo il piano di riapertura di letti Covid anche a Gallarate. Nella maggior parte dei casi non si tratta di ricoveri legati alla malattia da Covid ma stiamo riscontrando la positività del tampone in persone che ricoveriamo per altri motivi (traumi, patologie mediche o chirurgiche). Aver vaccinato più del 60% della popolazione protegge dai ricoveri causati dalla malattia da virus ma è ancora insufficiente a proteggerci dalla circolazione del virus nella popolazione, tanto più in presenza di eccessivo rilassamento nel rispettare le norme di protezione principali: mascherina e distanziamento”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento