meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Mar, 09/03/2021 - 04:20

data-top

martedì 09 marzo 2021 | ore 05:06

Le consulte territoriali

Le consulte territoriali del Comune di Legnano cambiano decisamente pelle. E lo fanno sulla scorta di un ampio lavoro compiuto in sede di commissione e coordinato dal neo assessore Monica Berna Nasca.
Legnano - Città di Legnano (Foto internet)

Saranno più autonome, supportabili da 'Consigli di quartiere' e, per concorrere a farne parte, saranno sufficienti sedici anni di età. Le consulte territoriali del Comune di Legnano cambiano decisamente pelle. E lo fanno sulla scorta di un ampio lavoro compiuto in sede di commissione e coordinato dal neo assessore Monica Berna Nasca. "Ritengo che la commissione abbia svolto un buon lavoro e con spirito costruttivo - spiega - con un lavoro comune siamo giunti a elaborare una serie di novità, tra cui la durata slegata da quella del consiglio comunale, la eleggibilità dei componenti a partire da sedici anni con l'accoglimento di una proposta pervenuta in tal senso e la possibilità di istituire i 'Consigli di quartiere'. Una novità, quest'ultima, che Berna Nasca considera "Un passo per aprire la strada al progetto di "Cittadinanza attiva" a cui crediamo molto". L'istituibilità delle consulte affonda le sue radici nella considerazione che "Ogni quartiere ha la sua specificità e i suoi problemi". E' stato inoltre ribadito il carattere indipendente da ogni rappresentanza partitica consiliare dei nuovi organismi. Se, tra i banchi del Centrodestra, il discorso della raccolta delle firme a supporto delle candidature ha sollevato qualche perplessità "Dato che - ha osservato il consigliere di Forza Italia, Letterio Munafò - si tratta di organismi fondati sull'apporto di volontari"; il rappresentante del Movimento dei cittadini, Franco Brumana, ha invece espresso il suo assenso: "Per conto mio - ha ribadito - si tratta di una svolta epocale, è molto azzeccata la scelta di istituire i 'Consigli di quartiere' che hanno più senso delle Consulte perchè sono maggiormente in grado di dare voce a realtà tra loro disomogenee, pensiamo all'Oltrestazione dove ci sono i problemi di piazza del Popolo del tutto diversi da quelli delle zone di San Paolo e Mazzafame". Brumana si spinge addirittura più in là e parla di possibile abolizione delle consulte per lasciare strada ai soli 'Consigli di quartiere'.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento