meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue, leggera pioggia 23°
Lun, 03/08/2020 - 15:50

data-top

lunedì 03 agosto 2020 | ore 16:11

Le messe di suffragio

Nei mesi di chiusura dell’emergenza sanitaria, non è stato possibile celebrare i funerali con la presenza dei parenti. La comunità inverunese ha organizzato delle serate dedicate.
Inveruno - Messe di suffragio al cimitero

Nei mesi di chiusura dell’emergenza sanitaria, non è stato possibile celebrare i funerali con la presenza dei parenti. Una mancanza che ha acuito il dolore delle famiglie colpite da un lutto, senza la possibilità di condividere con parenti, amici e conoscenti, questo triste momento. Per ricordare i propri cari e sopperire a questa mancanza, riuniti dal conforto della preghiera di suffragio, la Comunità pastorale S. Maria Nascente e S. Martino di Inveruno e Furato celebra, per gruppi di defunti, la S. Messa al cimitero (all’aperto, in modo da garantire il distanziamento): martedì 30 giugno al cimitero di Furato; nei martedì di luglio (7,14, 21, 28) al cimitero di Inveruno, alle ore 20.10 la recita del S. Rosario e successivamente la S. Messa esequiale (in caso di maltempo la celebrazione si svolgerà in Chiesa parrocchiale). È con commossa partecipazione che i tanti presenti (tra cui molti giovani, amici di Luca Serati, scomparso prematuramente a soli 39 anni), martedì 7 luglio, hanno ascoltato l’omelia del parroco don Marco Zappa, riferita alla Seconda lettera di San Paolo ai Corinzi: “Ognuno dei vostri cari è stato una lettera di Cristo, scritta non con inchiostro ma con lo Spirito del Dio vivente, non su tavole di pietra ma su tavole di cuori umani... inviata nella vostra vita”. Un momento molto sentito, in particolare la lettura di ognuno dei nomi di chi ci ha lasciato, scandita dai rintocchi delle campane.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento