meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Dom, 29/11/2020 - 10:20

data-top

domenica 29 novembre 2020 | ore 11:21

Milano: inquilini da altre città

In particolare a Milano si registra il 67,4% di affitti da parte di residenti, il 28,1% di affitti da parte di persone in arrivo dalle diverse province.
Immobiliare - Gli inquilini in arrivo da altre provincie a Milano (2019)

L’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato le locazioni realizzate attraverso le agenzie Tecnocasa e Tecnorete in alcune grandi città italiane nel primo semestre del 2019, per comprendere meglio quali siano stati gli spostamenti sul territorio da parte degli inquilini. Per ogni grande città si è calcolata la percentuale di inquilini già residenti in città, la percentuale di persone che hanno affittato in città arrivando dall’hinterland e la percentuale di coloro in arrivo da altre province italiane.
L’analisi ha messo in evidenza che Milano e Torino sono le metropoli con le percentuali più alte di locazioni da parte di persone in arrivo da altre province. Anche nel 2018 la stessa analisi aveva determinato Milano come la città con il più alto afflusso di inquilini in arrivo da altre province italiane.

In particolare a Milano si registra il 67,4% di affitti da parte di residenti, il 28,1% di affitti da parte di persone in arrivo dalle diverse province e il 4,5% in arrivo dall’hinterland. Nel capoluogo lombardo, infatti, prevale nettamente la presenza di lavoratori trasfertisti, la città si conferma come il principale polo attrattivo per quanto riguarda il lavoro. Rispetto al primo semestre del 2018 si registra un lieve aumento della percentuale di inquilini già residenti in città, si passa infatti dal 64,1% all’attuale 67,4%, mentre si evidenzia una leggera contrazione della percentuale di inquilini in arrivo da altre province, dal 30,8% si passa al 28,1%.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento