meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse 19°
Dom, 31/05/2020 - 12:20

data-top

domenica 31 maggio 2020 | ore 13:26

San Remigio: RSA Aperta

La RSA San Remigio di Busto Garolfo amplia la propria offerta di assistenza al territorio con il servizio di RSA Aperta. Un nuovo servizio di vicinanza al territorio.
Busto Garolfo - RSA San Remigio

La RSA San Remigio amplia la propria offerta di assistenza al territorio con il servizio di RSA Aperta. Al fianco della Residenza per Anziani sita in Busto Garolfo ed al servizio SAD Comunale attivo nello stesso comune, ha infatti ricevuto l’autorizzazione da parte della Regione Lombardia per il servizio RSA Aperta che consente di erogare prestazioni gratuite, in prevalenza al domicilio, a persone con certificazione di demenza e ad anziani, over 75, con invalidità al 100%. La notizia era attesa e sperata dai gestori della RSA San Remigio e dai comuni di Busto Garolfo e Canegrate che hanno fondato, nel 2001, la struttura per anziani. L’apertura al territorio infatti risponde all’esigenza di quei soggetti 'fragili' che sono al domicilio e per i quali sono preferibili forme di assistenza ed aiuto in grado di ritardare il più possibile il ricorso all’ospedalizzazione e all’istituzionalizzazione. Numerose le prestazioni erogabili al domicilio, definibili attraverso mix di prestazioni individualizzabili; tra queste ad esempio ci sono le attività di stimolazione cognitiva, di fisioterapia (riabilitazione motoria), di cura dell’igiene personale e di supporto ai caregivers, di assistenza psicologica e di consulenza infermieristica, ma anche interventi mirati, rivolti a piccoli gruppi, presso la sede di Busto Garolfo. Il servizio è attivabile, previa verifica dei requisiti d’accesso, contattando gli uffici amministrativi della Fondazione il Cerchio (telefono 0331/536944/46 – fax 0331/561378, e-mail: info [at] residenzasanremigio [dot] it).

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento