meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 24°
Dom, 13/06/2021 - 23:50

data-top

martedì 15 giugno 2021 | ore 00:17

La Messa con i detenuti

Martedì 18 dicembre, alle 11, nella casa circondariale di San Vittore, l'Arcivescovo di Milano, Mario Delpini, celebrerà la Messa con detenuti, agenti, volontari e personale.
Attualità - L'Arcivescovo Mario Delpini (Foto internet)

Martedì 18 dicembre, alle 11, nella casa circondariale di San Vittore (piazza Filangieri 2, Milano) l’Arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, celebrerà la Messa con i detenuti, gli agenti, i volontari e il personale del carcere. Come nel tradizionale incontro di Natale con i carcerati, che avverrà in occasione della celebrazione eucaristica il prossimo 25 dicembre nella casa di reclusione di Bollate, anche la visita al carcere di San Vittore sarà l’occasione per consegnare un suo messaggio scritto per tutti coloro che sono ristretti nelle carceri presenti nel territorio della Diocesi. Così scrive nel suo messaggio natalizio l’Arcivescovo: "L’augurio di Natale che un vescovo può far pervenire a te, che passerai questi giorni in carcere, non si limita a desiderare per te un po’ di sollievo alla nostalgia di casa, un po’ di distrazione dalla condizione mortificante della detenzione, una qualche sorpresa per una visita o per un dono. Vorrei invece augurare molto di più: che questo Natale sia un nuovo inizio. Il nuovo inizio è anche cominciare a scrivere una storia nuova, secondo come è possibile. Se ho fatto del male, cerco di rimediare facendo del bene; se ho fatto soffrire, cerco di rimediare provando a consolare; se ho procurato danni, cercherò di compensare mettendo mano all’impresa di aggiustare il mondo, almeno un po’".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento