meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 20°
Dom, 25/08/2019 - 07:20

data-top

domenica 25 agosto 2019 | ore 07:35

"Diamoci una scossa"

Due incontri, a Cuggiono e a Castano Primo, organizzati dalla Sezione Operativa degli Ingegneri per la promozione e la diffusione della cultura della prevenzione sismica.
Attualità - Terremoto (Foto internet)

Prima a Cuggiono, poi a Castano Primo; due Comuni, ma un unico obiettivo: diffondere la cultura della prevenzione sismica e la sicurezza degli edifici e delle infrastrutture. Il 30 settembre prossimo avrà luogo, infatti, la prima Giornata Nazionale appunto per la prevenzione sismica, promossa da Fondazione Inarcassa, Consiglio Nazionale degli Ingegneri e quello degli Architetti, con il supporto scientifico del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, del Dipartimento Protezione Civile, della Conferenza dei Rettori Università Italiane e della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, così ecco che la Sezione Operativa degli Ingegneri per la Prevenzionee l'Emergenza dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano, con il patrocinio delle Amministrazioni comunali, ha organizzato una serie di incontri sul territorio della città Metropolitana proprio per promuovere e diffondere la cultura della prevenzione sismica e della sicurezza degli edifici e delle infrastrutture, aderendo alla sola parte istituzionale e divulgativa, utile al sostegno del ruolo dell'ingegnere quale prevalente se non unica figura professionale con le competenze tecniche e scientifiche sulle tematiche strutturali, escludendo responsabilmente la fase operativa di consulenza e report a domicilio. E tra le varie realtà interessate, ci saranno come detto anche Cuggiono e Castano Primo. Due i momenti in programma, il primo oggi (28 settembre), l'altro, invece, il 5 ottobre. Durante le iniziative verranno trattati diversi temi, tra i quali il terremoto e le sue azioni sulle strutture, i rischi derivati da interventi non controllati sugli edifici, le evidenze raccolte in area sismica, perché la prevenzione è fondamentale e, infine, strumenti economici messi a disposizione dello Stato.

Invia nuovo commento