meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto
Sab, 24/02/2018 - 08:50

data-top

sabato 24 febbraio 2018 | ore 09:12

Colpo di fioretto per Legnano

Accordo tra il Comune di Legnano e la Federazione Italiana Scherma. Un importante traguardo per la città del Carroccio sia dal punto di vista sportivo che sociale.
Sport - Scherma (Foto internet)

E' di lunedì 5 febbraio la ratifica dell’accordo tra il comune di Legnano e la FIS, Federazione Italiana Scherma, che rende ufficialmente la città del Carroccio ‘city partner FIS’. Un accordo importante sia a livello sportivo che sociale, e che permetterà a Legnano di alzare il tiro e aumentare il livello e il numero delle competizioni, oltre che di migliorare l’ormai tradizionale ‘Trofeo Carroccio’, organizzato dal ‘Club Scherma Legnano’. L’accordo, reso possibile grazie all’intermediazione dei vertici nazionali e regionali della Federscherma e dell’assessore allo sport di Regione Lombardia, garantisce, inoltre, alla città del nostro territorio un grosso privilegio: e cioè quello di diventare la prima realtà lombarda ad assicurarsi un accordo di questo tipo. Il sindaco Fratus ha commentato entusiasta l’intesa, promuovendola quale “Modo per incoraggiare la pratica di un’attività sportiva, rafforzare i valori che questa implica e diffondere uno stile di vita sano e dinamico”. “Le parti - si legge nel documento - si impegnano in una reciproca collaborazione per la diffusione della scherma e degli eventi schermistici sul territorio legnanese”. FIS provvederà a garantire alla città di Legnano 2 eventi di livello nazionale per tutta la durata dell’accordo siglato, mentre il Comune collaborerà nella preparazione delle manifestazioni e garantire un’adeguata visibilità al logo di FIS. L’intesa, che ha durata biennale prevede una clausola di rinnovo automatico al 30 giugno dell’anno di scadenza per gli anni a venire, a meno che una delle due parti si riservi, con preavviso di almeno 3 mesi, di recedere dalla collaborazione. Un accordo dalle mille sfaccettature positive, anche perché, parola del primo cittadino: “Investire nello sport significa avere la possibilità di investire di meno in servizi sociali”.

Invia nuovo commento