meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Lun, 09/12/2019 - 22:20

data-top

lunedì 09 dicembre 2019 | ore 22:35

Il sogno olimpico di Matteo Rivolta

Arconate - Matteo Rivolta in gara

Nuotare come un ‘delfino’ per inseguire il sogno di una medaglia olimpica. Alle Olimpiadi di Londra 2012, che avranno inizio a fine luglio, ancora una volta noi italiani potremo sperare e sognare in qualche successo dalle piscine del nuoto. Questa volta non sarà solo Federica Pellegrini a catalizzare la nostra attenzione, perchè in gara vi è anche un giovanissimo talento arconatese. A soli 20 anni (21 a novembre) Matteo Rivolta è già campione europeo nel 4x100 mista e bronzo nella categoria ‘delfino’: “Quattro anni fa forse mi sarei sognato tutto questo - ci racconta - ma anche lo scorso anno mai avrei pensato di poter partecipare all’Olimpiade”. Fin da quando aveva due anni Matteo ha iniziato a prendere confidenza in piscina, prima a Parabiago, poi a Busto Garolfo (dove è cresciuto nel tempo), fino all’approdo a Busto Arsizio lo scorso autunno. “Con il mio allenatore ho ripreso entusiasmo - ci racconta - e un po’ alla volta io stesso ho iniziato a credere in qualcosa di grande. Mia mamma ha sempre avuto fiducia in me e, seguendo un po’ l’esempio dei miei cugini Luca e Fabio Monolo, ho ‘resistito’ ai tanti allenamenti in questi anni. Quando ho iniziato a Busto Arsizio abbiamo fatto un programma per puntare al 2013 ma i progressi sono stati così notevoli che ora mi trovo quasi per partire per Londra (da domenica sarà in ritiro a Verona, mentre la prima gara sarà il 2 agosto)”. Arconate - Matteo Rivolta, terzo agli europei 2012Allenamenti per due ore e mezza ogni giorno dal lunedì al sabato e tre mattine con palestra, tante gare e una grande fiducia in se stesso. “Come stile mi sono subito ritrovato nella categoria ‘delfino’ ed è lì che gareggerò - ci spiega - il vero salto di qualità è stato aver vinto la staffetta 4x100 mista agli europei ed essere arrivato terzo nella gara singola ‘delfino’. Un anno fa avevo il ventesimo tempo in Italia, ora sono terzo in Europa...”. Tante le aspettative, sia personali che in famiglia e tra gli amici, che non mancano di sostenerlo e sognare con lui il sogno di una vita. “Voglio stare con i piedi per terra - ci tiene a sottolineare Matteo - in fondo non ho fatto ancora nulla. Incrociamo le dita... per ora, di certo, c’è che da settembre riprenderò ad allenarmi a Busto Arsizio con l’obiettivo dei mondiali del 2013 a Barcellona”.

Invia nuovo commento