meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 15°
Dom, 14/04/2024 - 01:50

data-top

domenica 14 aprile 2024 | ore 02:48

Oppi socio onorario ANPI

“Oggi ho avuto la notizia bellissima che l’Anpi del territorio ha voluto farmi diventare socio onorario di questa importante istituzione italiana”
Robecchetto - Oppi socio onorario ANPI

“Oggi ho avuto la notizia bellissima che l’Anpi del territorio ha voluto farmi diventare socio onorario di questa importante istituzione italiana”, è l’esordio di Francesco Oppi. La figura di riferimento delle Officine Creative del Guado di Robecchetto entra tra le personalità individuate da un progetto nazionale dell’associazione nazionale dei partigiani e che fa leva sui territori. Cioè la scelta per ogni parte d’Italia di una personalità che rappresenti al meglio la storia, la cultura e la società della sua zona. “Qualcuno mi chiede perché bisogna essere dell’Anpi: io ritengo che una motivazione potrebbe essere quella che tuti i cittadini italiani dovrebbero essere e dovrebbero volersi iscrivere all’Anpi per testimoniare i valori della Resistenza e dell’uscita da una terribile fase della nostra storia che è stata quella dell’ultimo pezzo della Seconda Guerra mondiale. La cultura e le iniziative culturali, come facciamo al Guado, attraverso il lavoro degli artisti, sono certamente un enzima di democrazia presupposto sul quale l’ Anpi può dare il suo contributo istituzionale”. Giuliano Cipelletti, il presidente della sezione Anpi di Turbigo ha così spiegato il progetto nazionale: “La scelta di dare la tessera a Francesco Oppi è data dall’indicazione arrivata da Anpi nazionale, cioè quella di individuare un personaggio del territorio che per levatura culturale e competenze rappresenti un esempio da proporre e da consegnare quindi al nazionale per essere divulgato e diffuso sul più vasto piano nazionale”.

FRANCESCO OPPI, SOCIO ONORARIO DELL'ANPI

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi