meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 19°
Sab, 15/06/2024 - 11:50

data-top

sabato 15 giugno 2024 | ore 12:54

Le 'turbine di Turbigo'

Un trasporto eccezionale, di passaggio nel centro cittadino, ha attirato le attenzione di molti turbighesi, che non si sono voluti perdere l'inusuale avvenimento.
Turbigo - Un momento del passaggio del trasporto eccezionale

Da qualche giorno si vociferava che doveva passare qualcosa di importante e di 'ingombrante' sulle strade turbighesi, ma immaginare l'imponenza delle due grosse turbine destinate all'impianto termoelettrico di Edipower era veramente difficile. Verso le 21 di sabato 29 gennaio, il convoglio eccezionale partiva da un'area di parcheggio nelle vicinanze dell'expo di Castano Primo, dove da diversi mesi le turbine erano state posizionate in attesa di ottenere i permessi necessari per il trasferimento a Turbigo. Il trasporto dei due grossi componenti (una sola pesava 318.000 kg ndr) è stato reso possibile dall'esperienza a livello mondiale della ditta emiliana 'Fagioli', già celebre per aver trasportato il sommergibile 'Enrico Toti' presso il Museo della Scienza e della Tecnica in centro a Milano. Coadiuvati dal gruppo Protezione Civile di Turbigo e dalle forze dell'ordine locali, il convoglio è giunto nella cittadina del nostro territorio verso mezzanotte procedendo ad una velocità inferiore al passo d'uomo. Il passaggio non è avvenuto, però, attraverso il ponte sul Naviglio lungo la strada Statale, bensì su quello di via Roma. Questa è stata la fase più delicata, ma anche più affascinante dell'intera operazione. Da mezzanotte e mezza sino a circa le due della stessa notte, molti turbighesi, e non solo, si sono dati appuntamento proprio in via Roma per assistere al trasporto eccezionale. Un avvenimento inusuale che ha sicuramente creato un divertente diversivo durante il sabato sera di molti ragazzi e adulti del nostro territorio.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi