meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 14°
Lun, 15/04/2024 - 23:50

data-top

martedì 16 aprile 2024 | ore 00:31

'Paesaggi, topografie e voci...'

Per commemorare le vittime dell’Olocausto, a Vanzaghello un programma che intende coinvolgere e sensibilizzare tutta la cittadinanza.
Vanzaghello - 'Giorno della Memoria'

Per commemorare le vittime dell’Olocausto, a Vanzaghello un programma che intende coinvolgere e sensibilizzare tutta la cittadinanza. Ecco, infatti, la mostra fotografica 'Paesaggi, topografie e voci per ricordare le vittime delle Shoah' per “avvicinare ai luoghi che testimoniano la barbarie umana che ha cancellato milioni di vite, vite segnate. Luoghi che conservano mille voci che parlano da ogni mattone e da ogni legno: senza più voce, voci sospese”. La mostra, visitabile negli orari di apertura della biblioteca dal 25 al 31 gennaio, è stata realizzata dall’Editore la Memoria del Mondo di Magenta. Per le scolaresche una visita guidata, letture e il rituale momento di raccoglimento al cippo di Anne Frank. Per approfondire le tematiche legate alla Shoah, incontro con l’editore Roberto Keller e l’autore Martin Pollack, reporter austriaco che nei suoi libri indaga sui traumatici avvenimenti storici dell’Europa centro-orientale del XX secolo e segnato da una profonda tragedia familiare, il 27 gennaio alle 21. Con il Gruppo di Lettura aperto, il 31 gennaio alle 21, incontro con Federico Baccomo, autore del libro 'Che cosa c’è da ridere', la storia di un uomo che sfidò il nazismo con la sua arte e la sua intelligenza. Ricordare l’insensatezza e l’arbitrio per creare un mondo migliore dove riecheggino le parole di Primo Levi: “La nostra saggezza era il non cercare di capire”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi