meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse 11°
Lun, 03/05/2021 - 06:50

data-top

giovedì 06 maggio 2021 | ore 08:55

Bosco Cantoni: parco apiario

Il Bosco dei Cantoni diventerà un parco apiario. L'ex area denominata Oasi dei Pescatori, bonificata a fine 2019 e riforestata secondo accordi a inizio 2020, con due interventi.
Territorio - Parco apiario (Foto internet)

Il Bosco dei Cantoni diventerà un parco apiario. L'ex area denominata Oasi dei Pescatori, bonificata a fine 2019 e riforestata secondo accordi a inizio 2020, con due interventi – il primo a opera della ditta Makita di Arluno e il secondo del Consorzio Forestale del Ticino – ospiterà nell'area a sud, su una superficie di circa 3,5 ettari, entro il prossimo mese, dalle 15 alle 40 arnie, che dovranno produrre del miele, del quale una parte dovrà essere devoluto al Comune di Inveruno. “Abbiamo aperto una manifestazione d'interesse dopo che un apicoltore si è rivolto alla nostra Amministrazione per richiedere lo spazio per poter insediare la sua attività – spiega Maria Zanzottera, assessore ai lavori pubblici e all'urbanistica – L'abbiamo ritenuta una proposta davvero valida, per molte ragioni: con questa iniziativa andremmo a tutelare e favorire l'insediamento dell'Apis mellifera ligustica, la quale non esiste più in forma selvatica, ma solo domestica, avviando un'azione informativa sull'importanza e sulla funzione fondamentale delle api in un territorio e coinvolgendo anche le scolaresche con delle visite guidate e con dei corsi didattici sul tema. Esse infatti con la loro impollinazione favoriscono la biodiversità, facendo il bene dell'intero pianeta”. L'area sarebbe data in gestione all'apicoltore per almeno 5 anni, il quale dovrebbe poi fornire gratuitamente all'Ente mezzo chilo di miele per ciascuna arnia, occupandosi della manutenzione dell'area in collaborazione con Makita. Infine, l'apiario dovrà essere realizzato all'insegna dell'ecosostenibilità e dell'ecocompatibilità, rispettando ogni normativa vigente.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi