meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 12°
Mar, 11/05/2021 - 21:50

data-top

martedì 11 maggio 2021 | ore 22:21

"Nominate un nuovo medico"

Il sindaco di Arconate, Sergio Calloni, e il suo vice, Gaia Gorla, scrivono ad Ats, per chiedere che venga nominato quanto prima un medico di base, per sostituire il dottor Bison.
Salute - Medicina (Foto internet)

I mittenti sono il sindaco Sergio Calloni e la sua vice Gaia Gorla; la destinataria, invece, l'Ats. Una lettere che Arconate ha voluto scrivere per chiedere di mandare quanto prima un nuovo medico di base in paese, perché dopo la decisione del dottor Racioppi di terminare il suo incarico e con la scelta di non nominare alcun sostituto del dottor Bison, le difficoltà tra gli anziani e i cittadini si fanno sempre più significative. "Una scelta che riteniamo miope e sbagliata - dicono - Certo, siamo consapevoli che le più recenti norme in materia di assegnazione dei medici seguono un criterio territoriale e non più comunale e, allo stesso tempo, che c'è scarsa disponibilità di personale sanitario, ma non poter avere una sostituzione sta creando problemi a centinaia di arconatesi, soprattutto alle persone fragili e avanti con l'età - spiegano - Teniamo conto, infatti, che al compianto dottor Flavio Bison erano assegnati 1431 pazienti e la capacità residua degli unici due medici di medicina generale disponibili ad oggi, ossia le dottoresse Monica Parotti e Sabrina Colombo, arriva a coprire 700 posti. Ciò significa che oltre 700 cittadini sono e saranno costretti ad andare fuori paese per farsi visitare; una situazione che, alla luce della pandemia da Covid-19, appare gravosa e difficoltosa. La speranza, pertanto, è che il nostro appello possa essere raccolto e che l’autorità sanitaria tenga in debita considerazione le istanze non solo del Comune, ma dell’intera comunità".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi