meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto 13°
Gio, 22/10/2020 - 01:50

data-top

giovedì 22 ottobre 2020 | ore 02:18

Giornate FAI d'autunno

L’appuntamento con l’Italia più bella si fa in 4! Per permettere a tutti di visitare in sicurezza le bellezze del nostro Paese. Tra i luoghi scelti anche la Canonica di Bernate Ticino.
Bernate Ticino - La Canonica

Quest’anno l’appuntamento con l’Italia più bella si fa in 4! Per permettere a tutti di visitare in sicurezza 1.000 luoghi straordinari del nostro Paese, le Giornate FAI d’Autunno raddoppiano su due weekend: 17 e 18 e 24 e 25 ottobre. Un’occasione da non perdere per tornare a scoprire luoghi ancora poco conosciuti del nostro Paese e sostenere la missione del FAI. Per garantire un sereno svolgimento delle giornate di manifestazione, dal 6 ottobre grazie a una donazione di 3€ sarà possibile prenotare la propria visita sul sito www.giornatefai.it. La prenotazione, seppur fortemente consigliata, non è obbligatoria.Oppure puoi scegliere di iscriverti al FAI prima dell’evento e garantirti l'accesso alle aperture riservate agli iscritti FAI. Sarà comunque possibile iscriversi al FAI anche in piazza durante i weekend dell'evento.

Antica Canonica e Palazzo Visconti
Sabato: 10:00 - 18:00
Domenica: 10:00 - 18:00
Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Intorno al 1186, papa Urbano III, fece erigere una canonica nel territorio di Bernate Ticino. La struttura venne fondata sulla preesistente chiesa ipogea altomedievale di San Giorgio. Verso la fine del XV secolo parte degli ambienti vennero trasformati nell'attuale Palazzo visconteo, con uno splendido loggiato decorato. Importante fu anche l'ampliamento del 1582 su progetto di Martino Bassi da Seregno. La canonica venne soppressa nel 1772 e da allora è diventata chiesa prepositurale. La chiesa, oggi, si presenta nella sua veste seicentesca, affiancata dal campanile medievale, con elementi tardo-gotici. Al suo interno si possono ammirare: la primitiva chiesa di San Giorgio, con i suoi ambienti sotterranei; un altorilievo gotico eseguito dai maestri campionesi, affreschi quattrocenteschi, un coro ligneo seicentesco, una Deposizione di Cristo di Simone Peterzano (1585) e lo splendido chiostro, di fine XVI-inizio XVII secolo.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi