meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 13°
Sab, 24/10/2020 - 07:50

data-top

sabato 24 ottobre 2020 | ore 08:24

Riccardo, l'amico Carl e l'emergenza

Tematiche complesse, come l’amicizia, la solidarietà, la malattia e la solitudine, viste da un ragazzo di 14 anni. Riccardo Previde Massara non si è limitato ad una semplice tesina per il suo esame di terza Media, ma ha addirittura scritto un libro durante il periodo di Covid.
Magenta - Riccardo con il suo libro

Tematiche complesse, come l’amicizia, la solidarietà, la malattia e la solitudine, viste da un ragazzo di 14 anni. Riccardo Previde Massara non si è limitato ad una semplice tesina per il suo esame di terza Media, ma ha addirittura scritto un libro. Si intitola ‘Il mio amico Carl’, quando un incontro cambia la vita. E, particolarità non certo da sottovalutare, è stato scritto durante il periodo del Covid. Un po’ fantasia, un po’ realtà. Come esordisce lui stesso nell’introduzione: “Questo racconto nasce improvvisamente: uno spunto creativo, un’idea, una penna. Un giorno come tanti, al termine delle lezioni, sono andato in camera mia per iniziare a studiare e subito ho controllato il diario che per primo ho sfilato dallo zaino. L’ho appoggiato sulla scrivania, l’ho aperto e ho riletto attentamente il compito che già a scuola mi aveva fatto viaggiare con la fantasia. Immagina di poter possedere un robot: dagli un nome, descrivilo, spiega a quali funzioni lo destineresti”. Riccardo scopre di avere talento per la scrittura. Se ne accorge anche la sua insegnante di Italiano, la professoressa Carmen Arecchia e la mamma, anche lei insegnante, Anna Bigogno. E’ grazie a queste figure importanti che ruotano attorno alla sua vita che Ricky si appassiona. Fondamentale si è rivelato l’incontro con lo scrittore Riccardo Cazzaniga, avvenuto lo scorso anno a scuola. La passione e il bisogno di scrivere per sentirsi liberi è stato travolgente e così ecco il suo primo libro. Ne siamo convinti che, viste le premesse, ce ne saranno tanti altri, anche se Riccardo non sa ancora cosa farà da grande. Intanto frequenta la prima al liceo scientifico Bramante di Magenta e coltiva le sue passioni che non sono solo la scrittura. Il prossimo 2 ottobre si terrà la presentazione ufficiale del libro in una serata presentata da Arabella Biscaro che verrà ospitata da Casa Giacobbe e che sarà organizzata da Cuori Grandi Onlus. Si parlerà di argomenti come quelli trattati da Riccardo nel suo ‘Il mio amico Carl’ alla presenza di esperti in materia. La sala è già esaurita, ma si pensa alla possibilità di allargare la partecipazione sfruttando altri spazi. Anche l’assessore alle Politiche scolastiche Simone Gelli si è complimentato con il giovane studente, un esempio da seguire. “Ricky ha la fortuna di avere accanto persone che apprezzano le sue capacità e lo stimolano a seguire le sue passioni – ha commentato Francesco Bigogno di 'Cuori Grandi Onlus' – ha sicuramente del talento a scrivere. Ma pensiamo a quanti ragazzi hanno talento per qualcosa e non possono esprimerlo perché non trovano persone in grado di seguirli”. Riccardo è un ragazzo sensibile e lo dimostrano gli argomenti delicati che, a soli 14 anni e in un periodo come quello dell’emergenza sanitaria, ha saputo trattare. “L’idea che ho realizzato – scrive ancora nell’introduzione – prende spunto da una mia esperienza familiare, in cui ho visto una cugina costretta a rimanere lunghi periodo in ospedale per cure mediche. Questa narrazione mi ha permesso di convogliare le mie idee di aiuto attraverso un robot, che potesse rendere più piacevole la sua permanenza, attraverso dei racconti che lei ama”. Il libro ‘Il mio amico Carl’ di Riccardo Previde Massara sarà in vendita nelle tre librerie di Magenta, La Memoria del Mondo, Il Segnalibro e la Libreria Cattolica, oppure acquistabile su internet.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi