meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 13°
Ven, 30/09/2022 - 16:50

data-top

venerdì 30 settembre 2022 | ore 17:49

Arriva la neve! ma dove?

Sta per iniziare una nuova fase perturbata qui al nordovest dove dicevo che il limite delle nevicate si sarebbe collocato sui 1000/1300 metri sulle nostre montagne
Meteo - Neve a Santa Maria Maggiore, 14 novembre 2019

Dove e quando nevicherà nelle prossime ore? Sta per iniziare una nuova fase perturbata qui al nordovest dove dicevo che il limite delle nevicate si sarebbe collocato sui 1000/1300 metri sulle nostre montagne, ma anche localmente a quote inferiori in alcune valli notoriamente più fredde.

È ora arrivato il momento di scendere più nei particolari e soprattutto di spiegare come mai qui al nordovest può nevicare fino a bassa quota anche in assenza di particolari irruzioni fredde ma semplicemente con freddo che si crea direttamente qui in loco. La risposta ci viene dalle leggi della termodinamica e della fisica dell'atmosfera.

Se ci abbiamo fatto caso, sia ieri che martedì c'era aria tersa e cielo limpido al seguito della perturbazione di lunedì, grazie ai secchi venti di caduta dalle Alpi che normalmente seguono un passaggio perturbato. Ebbene, tale massa d'aria più secca che si viene a creare tende a stazionare incuneata sulla Valle d'Aosta, sul Piemonte, sull'ovest Lombardia e sul versante padano dell'Appennino ligure, tra alessandrino e Oltrepò pavese, proprio a motivo della particolare conformazione orografica della nostra zona.

Quando poi, come accadrà tra oggi pomeriggio e sabato mattina, la medesima massa d'aria si umidifica per lo scorrimento di masse d'aria più umide mediterranee, l'aria secca preesistente arriva a saturazione, abbassando sensibilmente la propria temperatura e resta intrappolata nei bassi strati qui al nordovest, risentendo solo in parte dell'afflusso più temperato in quota.

Ecco così che in Valle d'Aosta, nelle valli del torinese e del cuneese, in Valsesia, nelle valli ossolane, dell'alto Verbano e del Canton Ticino, nonché in quelle del savonese, dell'alessandrino e dell'Oltrepò pavese, la neve si può spingere anche di diverse centinaia di metri sotto al resto dei rilievi più esposti al richiamo relativamente più mite in quota.

Tornando alla perturbazione in arrivo, mi aspetto nelle zone sopracitate neve fin sui 500/800 metri e a tratti persino fino a fondovalle tra cuneese e Ossola, anche frammista a pioggia. Per fare un esempio, domani al risveglio non mi stupirei di vedere Cuneo, Aosta e Domodossola imbiancate. Al di sopra dei mille metri di quota mi aspetto qui al nordovest anche 30/60 cm di neve fresca a seconda delle località entro sabato mattina.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi