meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse
Gio, 12/12/2019 - 06:50

data-top

giovedì 12 dicembre 2019 | ore 07:16

'Pensami adulto'

Un importante progetto per dare indicazioni e supporto ai genitori di ragazzi con disabilità ed agli operatori che lavorano con loro. Promosso dall'associazione 'L'oro'.
Sociale - Progetto di sostegno e aiuto (Foto internet)

Inizierà questo sabato (28 settembre) 'Pensami adulto', un progetto realizzato dall'associazione 'L'oro Onlus' di Marcallo, finanziato dalla fondazione Ticino Olona e patrocinato dal Comune. L'iniziativa è volta a dare indicazioni e supporto ai genitori di ragazzi con disabilità ed agli operatori che lavorano con loro, al fine di aiutare i giovani a raggiungere l'autonomia. “La finalità dell'iniziativa è quella di aiutare i genitori di persone disabili a mettere in atto le giuste azioni educative per favorire una crescita dei propri figli orientata all'autonomia”, ha spiegato Giulia Boara Agosti, presidente dell'associazione 'L'oro'. I tre incontri sono, precisa l'onlus, l'inizio di un cammino che comprenderà anche laboratori e incontri in cui i ragazzi saranno protagonisti. Il primo appuntamento è per il 28 settembre, dalle 9 alle 13 presso la sala polivalente San Marco, con la relazione 'Affettività e sessualità nella disabilità intellettiva e relazionale' di Francesco Rovatti, professore presso l'Università degli Studi di Trento e Libera Università di Bolzano. Seguiranno 'Verso l'adultità: un percorso possibile' di Anna Contardi, coordinatrice Associazione Italiana Persone Down, e 'Il dopo di noi durante noi: il progetto tra diritti da conoscere e opportunità da cogliere' con Daniela Piglia, giurista, e Cristina Labianca, psicologa. Le conferenze si svolgeranno il 26 ottobre e il 23 novembre.“Una volta presentato il progetto, l'Amministrazione comunale ha aderito con entusiasmo e convinzione - ha commentato Marina Roma, sindaco di Marcallo con Casone - Le persone con disabilità compiono un percorso formativo che varia a seconda dell'età cui è rivolto. Se la società non è pronta ad attivarsi per loro, il lavoro rischia di rimanere fine a se stesso. Per questo motivo, stiamo cercando di coinvolgere la cittadinanza”.

Rispondi