meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 19°
Lun, 21/10/2019 - 20:20

data-top

lunedì 21 ottobre 2019 | ore 20:54

'Big Mac'... dove ha cominciato

Ieri pomeriggio (mercoledì 10 luglio), Massimo Maccarone è tornato per qualche ora ai Soccer Boys, società dove ha iniziato a giocare da piccolo. Un momento per salutare i giovani calciatori e stare con loro, tra domande, ricordi e un po' di gioco sul campo.
Sport - Massimo Maccarone ai Soccer Boys per incontrare i giovani calciatori

Gli occhi a scrutare i campi e le strutture tutte attorno (sì certo molto è cambiato da allora, ma l’emozione e la bellezza di quei posti, beh… quelli no, sono rimasti sempre gli stessi di tanti anni fa) e, poi, i saluti, le strette di mano e gli abbracci. L’appuntamento, alla fine, è alle 18, però lui poco dopo le 17 è già lì, perché se l’attesa da parte dei giovani atleti, dei dirigenti ed anche di un gruppo di genitori e tifosi è grande, non da meno è la sua, che appunto in questi luoghi ha cominciato l’importate carriera calcistica che l’ha portato a giocare nei più prestigiosi stadi d’Italia e del mondo. Milan, Modena, Prato, Varese, Empoli, Middlesbrough, Parma, Siena, Palermo, Sampdoria, Brisbane Roar e Carrarese, ma prima ancora i Soccer Boys. E, allora, eccolo varcare di nuovo i cancelli del centro sportivo di via Molinara, proprio lui, ‘Big Mac’ Massimo Maccarone, l’esempio di come con il lavoro, la determinazione, l’impegno e la passione si possono raggiungere straordinari risultati. “Ben arrivato Massimo”, anzi “Ben tornato”… giusto il tempo, insomma, di rompere il ghiaccio e, quindi, tra i bimbi ed i ragazzi presenti scattano le domande (gol fatti, rigori realizzati o sbagliati, squadre nelle quali ha militato, episodi particolari, aneddoti, curiosità, differenze tra i vari campionati dove è stato, i campioni che ha affrontato, ecc…); ma, ovvio, l’opportunità è di quelle che rimarrà per sempre nell’album dei ricordi personale e così vuoi non cimentarti con lui in qualche azione vera e propria di gioco? Detto, fatto, allora e si va tutti sul campo per un po’ di palleggi (l’immancabile sfida a quanti se ne riescono a compiere) e il classico ‘torello’, per poi lasciare spazio alle foto ed agli autografi di un momento che resterà nei cuori e nella testa dei singoli e del gruppo.

IL VIDEO CON ALCUNI MOMENTI DELL'INCONTRO

Rispondi