meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 15°
Mer, 30/09/2020 - 09:20

data-top

mercoledì 30 settembre 2020 | ore 10:04

‘Ndrangheta attorno a Malpensa

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano, con la Compagnia di Busto Arsizio, hanno eseguito stamattina 28 ordinanze di custodia cautelare in carcere e 7 ai domiciliari.
Cronaca - Carabinieri (Foto internet)

L'operazione è scattata nelle prime ore di questa mattina (giovedì 4 luglio). I carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano, in collaborazione con la Compagnia di Busto Arsizio, hanno eseguito, su richiesta della Dda di Milano accolta dal Gip, 28 ordinanze di custodia cautelare in carcere e 7 ai domiciliari nei confronti di altrettanti soggetti appartenenti a vario titolo alla ‘ndrangheta. Più nello specifico, quello che emerge da questa inchiesta sarebbe la ricostituzione della locale subito dopo la scarcerazione dei principali esponenti tra il 2015 e il 2017. La cosca aveva messo le mani su alcune società che gestiscono i parcheggi attorno all’aeroporto di Malpensa. Almeno tre erano sotto il controllo della ‘ndrangheta. Un business molto redditizio che avrebbe aumentato il suo giro d’affari con l’arrivo del traffico di Linate. A permettere di ricostruire la cappa criminale nel settore parcheggi anche un imprenditore che, davanti all’ipotesi di comprare un terreno a Ferno per farne un parcheggio, si è trovato ad avere a che fare con un “ambasciatore” del clan che lo sconsigliava di mettersi in concorrenza con i calabresi, a meno che non li avesse fatti entrare in società. L’alternativa: uno di loro arriva e scassa tutto. La sua collaborazione è stata fondamentale. I boss avevano anche imposto le forniture di caffè ad alcuni esercizi commerciali e fungevano da risolutori di 'controversie' alla loro maniera. Emerge anche il controllo di un pacchetto di voti che l’organizzazione faceva valere ad ogni elezione.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi