meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto, pioggia
Mar, 19/11/2019 - 13:50

data-top

martedì 19 novembre 2019 | ore 14:37

Gli appuntamenti della Battaglia

Sono già iniziati i festeggiamenti in onore del 160 anniversario della battaglia che si è svolta il 4 giugno del 1859 in occasione della seconda Guerra d'Indipendenza.
Magenta - La storica Battaglia di Magenta (Foto d'archivio)

ome ogni anno la città di Magenta rievoca il più importante e significativo episodio della sua storia con un grande evento che coinvolgerà tutti i cittadini per ricordare i valori di identità, libertà e pace che animarono l'unità d'Italia.
Sono infatti già iniziati i festeggiamenti in onore del 160 anniversario della battaglia che si è svolta il 4 giugno del 1859 in occasione della seconda Guerra d'Indipendenza.
Martedì 4, infatti, i bambini delle scuole elementari si sono recati presso Casa Giacobbe e Ossario, i due luoghi principali del rinascimento magentino, accompagnati da alcuni rievocatori con divise storiche, e si è svolto il concerto della Banda 4 Giugno 1859 presso il Cortile del Palazzo Comunale.
Ma è domenica 9 giugno che ci saranno le celebrazioni ufficiali, con la presenza di autorità civili, militari e la rappresentanza consolare di diverse nazioni, che verranno accolti da studenti e insegnanti del Liceo Musicale della città al Palazzo Comunale per dare poi inizio, verso le ore 10.00, al Corteo Tradizionale e storico, che guiderà i partecipanti presso la Santa Messa al campo e successivamente verso Casa Giacobbe.
Solo nel pomeriggio, alle ore 16.00, si assisterà però all'evento più atteso della giornata: la rievocazione storica della battaglia presso Villa Naj Oleari al Parco dell’Unità d’Italia.
La venticinquesima edizione di questo evento ha infatti una nuova e suggestiva location all'interno della quale verranno rappresentati i movimenti delle truppe da parte di centinaia di figuranti appartenenti gruppi storici provenienti da tutta europa.
La giornata si chiuderà alle ore 21 con il concerto della Fanfara dei bersaglieri in congedo “Nino Garavaglia” di Magenta.

Rispondi