meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 12°
Gio, 21/11/2019 - 13:50

data-top

giovedì 21 novembre 2019 | ore 14:15

L'US Santo Stefano si presenta

Il Santo Stefano Ticino è pronto per la nuova stagione sempre in Seconda categoria. Tante conferme e qualche volto nuovo. Si punta sui giovani. Vismara capitano.
Santo Stefano Ticino - La Prima squadra dell'U.S. Santo Stefano

L'US Santo Stefano Ticino si presenta ai suoi tifosi in vista della stagione sportiva 2015/2016 che la vedrà ancora impegnata nel campionato di Seconda categoria. Pochi i volti nuovi a rinforzare una squadra che ha dato del filo da torcere a tutti nello scorso campionato e arrivando ad un punto solo dai play off. Nello specifico, quindi, tra le new entry ecco la punta Mattia D'Alcamo che il diesse Gianlucas Baraterio aveva avuto alle sue dipendenze nella stagione 2012/2013 All'Arlunese. A metà campo due acquisti classe 95': il ricercatissimo Federico Lucini e Simone Pelaggi (Il primo ex Vermezzo e Corbetta; il secondo dall'ASD Arluno calcio 2010). Per il resto squadra confermata ad eccezione di tre uscite (Daddato, Testa e Paganini). "Pensiamo di aver allestito una buona rosa" afferma il ds Baraterio "E saremo in grado di ben figurare. Adesso abbiamo in canna un ultimo colpo per completare l'organico". Soddisfatto il vicepresidente Pianta. "Mi stupisce ogni anno il lavoro dei miei dirigente. Baraterio, Mereghetti e Bottini riescono ad allestire sempre squadre competitive senza farmi spendere un euro di rimborsi spesa. La politica della società è questa e i ragazzi l'hanno sposata a pieno. Investiamo solo sui cartellini dei giocatori giovani che possano dare continuità al progetto". Ultimo ad essere presentato il capitano Andrea Vismara alla quarta stagione con i bianco azzurri. "Sono orgoglioso di essere il capitano di un gruppo così. Ci sono poche facce nuove rispetto alle altre stagioni; vuol dire che la società pensa di aver già portato qui il meglio. Ora la responsabilità di far bene è tutta sulle nostre spalle. Non abbiamo scuse".

Rispondi