meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Sab, 22/01/2022 - 19:50

data-top

sabato 22 gennaio 2022 | ore 19:48

Brutto colpo in casa Villa

L'Asystel Mc Carnaghi butta via un vantaggio di due set a zero contro Pesaro: e brucia ancor di più la sconfitta per 2-3. Bisogna ripartire e subito.
Villa-Pesaro 057.JPG

In un PalaBorsani decisamente meno affollato del solito, l’Asystel Mc Carnaghi Villa Cortese affronta la sua quinta giornata di andata di campionato. Le avversarie sono le ragazze della Kgs Robursport Pesaro, ferma a metà classifica con 5 punti, due vittorie e due sconfitte, ma soprattutto reduce da una sonora batosta 3-0 inflitta alla Unendo Yamamay Busto Arsizio. Non manca nessuno, invece, nella curva di casa, che fin da subito cerca di caricare la squadra al meglio. Il Villa scende in campo con Mojica al palleggio, Viganò e Bosetti schiacciatrici, Barun opposto, Veljkovic centrale e Parrocchiale libero (in sostituzione con la centrale Folie). Dopo un inizio equilibrato, Pesaro allunga e si porta avanti di due punti: al primo tecnico il punteggio è 6-8. Che il Villa non sia uno squadrone invincibile l’avevamo notato subito in questo campionato, emozionante e imprevedibile e quanto mai combattuto. Ma perfino i tifosi lo sottolineando cantando: “Villa, devi vincere!”. Caprara non è per niente soddisfatto del gioco e sul 6-10 chiama un time out discrezionale: non bisogna far fuggire le avversarie in questo modo. Caterina Bosetti, intanto, si alterna con Sania Malagurski; al braccio porta un vistoso cerotto azzurro, ‘conquistato’ dopo la caduta dello scorso match. Ci pensano gli attacchi di Katarina Barun e Natalia Viganò e i ‘muuuri’ di Raphaela Folie ad accorciare le distanze. Il punto che segna il secondo tecnico e porta in vantaggio Villa è targato Vilmarie Mojica, il più grande punto interrogativo della formazione. Stasera punta molto sulla centrale Veljkovic e sembra reduce da una sfilza di consigli particolari da parte dell’allenatore. Sembra un’altra squadra rispetto alle prime giocate della partita, ma Pesaro non demorde. Sono proprio le veloci di Veljkovic e il suo micidiale servizio a portare Villa sul 21-18. Nel frattempo, Rondon sostituisce Mojica al palleggio. Annullati sia il primo sia il secondo set point per Villa, la squadra di casa riesce a conquistarselo con Raphaela Folie.
Per il secondo set rientra in campo Mojica. Il gioco di Villa è concentrato sulle due centrali, Veljkovic e Folie, e questa nuova formula sembra davvero funzionare. Quello sceso in campo in questo secondo set è un Villa-spettacolo, che costruisce il gioco in maniera efficace e gestisce al meglio la ricezione con una sempre impeccabile Beatrice Parrocchiale. I punti si fanno lunghi e combattuti, avvincenti come un romanzo giallo. Al primo tecnico la formazione di casa è avanti di due lunghezze. Sul 13-9 le ragazze di Pesaro protestano per un’invasione a loro parere sanzionata erroneamente e poi accorciano decisamente le distanze portandosi sul 13-12. La partita è diventata decisamente bella, forse la migliore finora vista qui al PalaBorsani: Pesaro non molla mai e quei tre punti di vantaggio il Villa se li deve davvero sudare. Un meraviglioso ace al filo della linea laterale porta il punteggio sul 21-17. Questo secondo set è un’escalation di finezze e punti belli da vedere, con una Bosetti perfetta anche in ricezione. Sono ancora le centrali a trascinare la squadra: dopo un primo set point annullato, Katarina Barun chiude 25-19.
All’inizio del terzo set Villa soffre di più: bisogna ritrovare la concentrazione e non rilassarsi sul 2-0. Infatti Pesaro scappa di nuovo 2-7 e Caprara chiama time out. Escono Mojica, Viganò e Barun, entrano Rondon, Klineman e Malagurski. Favoloso il ‘muuuro’ di Raphaela Folie, che ridà grinta alla squadra. Ma qualcosa non va: Pesaro è avanti 5-12 e Caprara chiede di nuovo di parlare con le sue giocatrici. Al secondo time out tecnico il punteggio è di 10-16. Viganò sostituisce Klineman. Ma in questo set l’Asystel Mc Carnaghi non è mai entrata in partita ed è sotto di ben 8 punti. Il Villa, però, fa davvero sudare il set alla Kgs Robursport Pesaro e annulla tre set point; il tempo si chiude 22-25.
Per il terzo set, Mojica torna a dirigere il gioco. Rientrano anche Barun e Viganò. L’esordio è incerto e il Villa non è quello visto nel secondo set: al primo time out tecnico, 4-8 per le ospiti. Esce Viganò, rientra Malagurski. Ma il gioco delle padrone di casa davvero non decolla. La partita si fa nervosa: Pesaro protesta spesso e le ragazze del Villa si innervosiscono per le inutili pause nel gioco. Sull’8-15 Gianni Caprara chiede di parlare con le sue giocatrici. Poi Rondon entra al palleggio e ritorna in campo Natalia Viganò. Sull’11-15 è la volta dell’allenatore di Pesaro, Andrea Pistola, di chiedere il time out discrezionale: Villa si sta avvicinando, ed è gioco interromperne il ritmo. Ad ogni punto del Villa è un boato del PalaBorsani, ma anche il quarto set va a Pesaro. Si va al tie break.
Si sa che al tie break non sono concessi errori: da entrambe le parti, però, se ne vedono molti. Dopo un esordio equilibrato, Pesaro fugge 4-7. Al cambio campo, le ospiti sono avanti di tre lunghezze. Sul 7-10 rientra Mojica al palleggio. Ma l’Asystel Mc Carnaghi ancora una volta si arrende. Finisce 2-3.

ASYSTEL MC CARNAGHI VILLA CORTESE-KGS ROBURSPORT PESARO 2-3 (25-22; 25-19; 22-25; 19-25; 7-15). PROSSIMO TURNO: BANCA REALE YOYOGURT GIAVENO-ASYSTEL MC CARNAGHI VILLA CORTESE, DOMENICA 24 NOVEMBRE, h. 18:00.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi