meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto, pioggia
Sab, 03/12/2022 - 14:50

data-top

sabato 03 dicembre 2022 | ore 15:47

Ferito alla mano: 28enne in ospedale

Infortunio sul lavoro, ieri pomeriggio, in via Vittorio Veneto. Il ragazzo, con la semiamputazione di tre dita, è stato soccorso dalla Croce Azzurra di Buscate.
Ambulanza

E’ finito al pronto soccorso dell’ospedale di Legnano. Per lui la semiamputazione a tre dita della mano: dovrebbe essere questo, almeno dai primi riscontri, il bilancio dell’infortunio sul lavoro avvenuto ieri pomeriggio in via Vittorio Veneto a Magnago. Erano all’incirca le 17.30 quando un ragazzo di 28 anni, che in quel momento era impegnato in alcune operazioni con una sega circolare, è rimasto ferito. Molto probabilmente il pezzo che stava lavorando, o forse lo stesso macchinario, il giovane è stato colpito alle dita della mano, sembrerebbe, per fortuna, in maniera, comunque, non grave. Subito è scattato l’allarme e, in pochi minuti, ecco che nella cittadina del Castanese sono arrivati un equipaggio della Croce Azzurra di Buscate e l’automedica, inviata dal vicino nosocomio legnanese (qualche attimo dopo, anche una pattuglia della Polizia locale del comando magnaghese, ricevuta la segnalazione dell’infortunio, si è recata sul posto per sincerarsi e verificare che cosa fosse accaduto). Che, immediatamente, hanno medicato e soccorso il 28enne, per poi trasportarlo al pronto soccorso dell’ospedale di Legnano, per essere affidato alle cure dei medici in quel momento di turno e, quindi, per essere sottoposto a tutti i necessari accertamenti e controlli del caso. Come detto, il ragazzo dovrebbe avere riportato la semiamputazione di tre dita della mano.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi