meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole sparse, leggera pioggia
Lun, 26/02/2024 - 07:20

data-top

lunedì 26 febbraio 2024 | ore 08:22

Lavoratore malato può chiedere le ferie

Il lavoratore malato che vuole evitare la scadenza del periodo di comporto può chiedere le ferie per sospendere il decorso di tale periodo.
Consulente Legale - Logo studio Guffanti

La Corte di Cassazione, con propria ordinanza n. 26697 del 21.09.2023, ha affermato che il datore di lavoro non può negare tout court le ferie richieste dal lavoratore malato che vorrebbe evitare il superamento del periodo di comporto e conservare il posto di lavoro, in quanto tale diniego sarebbe  di per se illegittimo, a meno che non sussistano ragioni datoriali concrete ed effettive che giustificano tale scelta.
Nel caso in esame un’impiegata impugnava giudizialmente il licenziamento irrogatole dalla datrice di lavoro per superamento del periodo di comporto.
La Corte d’Appello in secondo grado accoglieva sul punto la domanda della lavoratrice, sul presupposto che la società datrice aveva illegittimamente respinto la domanda avanzata dalla ricorrente, prima del superamento del comporto, volta a fruire delle ferie maturate per evitare proprio il superamento del periodo di conservazione del posto.
La Cassazione – nel confermare la pronuncia di merito emessa dalla Corte di Appello – ha rilevato che il lavoratore assente per malattia ha facoltà di domandare la fruizione delle ferie maturate e non godute allo scopo di sospendere il decorso del periodo di comporto e, dunque, di conservare il posto di lavoro, non sussistendo un’incompatibilità assoluta tra malattia e ferie.
In ogni caso i giudici di legittimità hanno aggiunto che a tale facoltà del dipendente non corrisponde comunque un corrispondente obbligo del datore di lavoro di accettare detta richiesta, che potrebbe essere rifiutata, tuttavia, solo ove ricorrano comprovate ragioni organizzative o produttive di natura ostativa.
Per la sentenza in esame è, infatti, necessario che le dedotte ragioni datoriali siano concrete ed effettive e ciò in un’ottica di bilanciamento degli interessi contrapposti (tra lavoratore e datore) ed in ossequio alle clausole generali di correttezza e buona fede, diversamente, il licenziamento risulta illegittimo.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento