meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Sab, 20/04/2024 - 07:50

data-top

sabato 20 aprile 2024 | ore 08:36

Masterplan Reggia e Parco di Monza

Approvato dal Collegio di Vigilanza dell'Accordo di Programma per la valorizzazione di Reggia e Parco di Monza il Masterplan da 55 milioni di euro.
Attualità - Masterplan Villa Reale di Monza (Foto internet)

Approvato dal Collegio di Vigilanza dell'Accordo di Programma per la valorizzazione di Reggia e Parco di Monza il Masterplan da 55 milioni di euro: un piano che indica le strategie e le linee di azione per guidare il rilancio innovativo e sostenibile del patrimonio che compone il Complesso monumentale di Villa Reale e Parco di Monza, lungo un orizzonte temporale di oltre dieci anni.

L'Accordo di Programma sottoscritto nel 2017 da Regione Lombardia, Comune di Milano e Comune di Monza con l'adesione di Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Parco Valle del Lambro e dal 2019 di ARIA SpA, prevede uno stanziamento complessivo da parte di Regione Lombardia pari a 55 milioni di euro, cui si aggiungeranno ulteriori risorse da parte degli enti consorziati per le attività di riqualificazione e gestione del Complesso.

Una prima tranche delle risorse stanziate in attuazione dell'Accordo, circa 23 milioni, è destinata alla messa in sicurezza del patrimonio costruito e del paesaggio e in buona parte è già stata impegnata. Ulteriori 32 milioni sono destinati agli interventi che attuano la strategia di rilancio del Masterplan.
Il Masterplan è lo strumento strategico previsto per il perseguimento degli obiettivi dell'Accordo di Programma e ha come principale finalità quella di valorizzare il Parco e gli immobili che si trovano al suo interno, confermando il valore del complesso come polo monumentale e ambientale di rilievo internazionale, accessibile e fruibile in modo ampio e diversificato e, al tempo stesso, opportunità di sviluppo, attrattività e formazione per il territorio.

I contenuti del Masterplan sono stati illustrati in conferenza stampa, a Palazzo Lombardia, al termine della riunione del Collegio di Vigilanza dell'Accordo di Programma relativo a Reggia e Parco di Monza. Tra le novità emerse nel corso dell'incontro, l'apertura - in via sperimentale - della Villa reale per 5 giorni la settimana dal 7 giugno al 10 settembre: il mercoledì, giovedì e venerdì nel pomeriggio, dalle 14.30 alle 19.30; il sabato, la domenica e festivi, dalle 10.30 alle 18.30.

Sono intervenuti: Massimo Sertori, assessore regionale agli Enti locali, Montagna, Risorse energetiche, Utilizzo risorsa idrica con delega alla Programmazione negoziata; Paolo Pilotto, sindaco di Monza e presidente del Consorzio Villa Reale e Parco; Emmanuel Conte, assessore al Bilancio e Patrimonio immobiliare del Comune di Milano.

Impegnato a Roma per importanti incontri istituzionali con il governo in materia di Pnrr, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha voluto portare il suo saluto attraverso un messaggio video.

"Per Regione Lombardia e per la Giunta che ho l'onore di presiedere - ha dichiarato il governatore - il Parco e la Villa Reale sono sicuramente un punto di riferimento importante e un futuro modello di sviluppo territoriale. Noi crediamo che la Villa e il Parco siano uniche nella loro assoluta bellezza e per questo dovranno sempre più essere valorizzati per diventare un ulteriore punto di attrazione turistica. È una unicità che noi dobbiamo in tutti i modi far conoscere nel mondo".

"La condivisione degli obiettivi, il grande lavoro di squadra, il comune intento di rilanciare uno straordinario gioiello architettonico, artistico e paesaggistico - ha sottolineato l'assessore Sertori - sono gli elementi che contraddistinguono e qualificano l'azione di governo della Giunta guidata dal presidente Attilio Fontana". "Finalmente - conclude Sertori - con l'approvazione di oggi del masterplan, documento realizzato con grande impegno e professionalità, siamo pronti ad utilizzare le risorse messe a disposizione avendo una visione strategica di insieme".

Il documento programmatico si presenta come uno strumento completo e complesso: oltre 250 pagine in cui si affronta in modo dettagliato, ricorrendo a grafici, schemi e approfondimenti ogni aspetto legato alla progettazione e alla gestione futura, partendo da un'attenta analisi del contesto, sviluppata nella prima fase di lavoro. Si compone di 7 capitoli, a partire dal Documento generale di indirizzo strategico e piano di gestione, passando per il modello di governance, il piano economico finanziario, il piano di comunicazione e di marketing per arrivare, infine, al diagramma delle tempistiche e alla definizione delle modalità di monitoraggio e valutazione.

"Disporre di un documento di analisi ragionata per lavorare al futuro della Villa Reale e Parco di Monza - ha detto Pilotto - è un ulteriore passo per orientare progetti e investimenti pubblici e privati verso una visione unitaria e sostenibile del compendio monumentale. Anche grazie all'apporto proveniente da chi parteciperà alle tappe di ascolto confronto e contribuzione previste nelle prossime settimane valorizzeremo le vocazioni storicamente più consolidate di questo prezioso polmone verde a partire dal ruolo storico, artistico e naturalistico del parco e dei suoi edifici".

"L'Accordo di Programma del 2017 - ha evidenziato l'assessore Conte - ha posto le basi a un progetto di ampio respiro e a una forte governance per realizzarlo. Oggi è stata segnata, con un incontro qualificato ed una virtuosa collaborazione tra istituzioni, una prospettiva che sviluppa e cura in armonia le peculiarità artistiche, storiche e naturalistiche del parco e della Villa Reale. Un'area che, per la sua armonia tra natura e vissuto e tra spazio e tempo, va preservato, specializzato e rinnovato nella continuità. L'Urbs, ovvero la struttura fisica della città, va coniugata con la civitas, ovvero la comunità vivente".

Tra i pilastri del progetto vi sono la gestione e la riqualificazione della vegetazione del parco, il restauro dei complessi e degli edifici storici a partire da Villa Reale fino alle Cascine ricomprese nel Parco. Si aggiungono a questi la valorizzazione del paesaggio, del ruolo culturale, istituzionale e turistico del complesso oltre all'attivazione di nuove forme di governance.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento