meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 27°
Mar, 04/08/2020 - 18:50

data-top

martedì 04 agosto 2020 | ore 19:08

Covid: "PS alla normalità"

Marco Bosio, direttore generale dell'ospedale Niguarda di Milano: "La buona notizia è che si stanno riassestando i flussi al Pronto soccorso. Verso una progressiva normalità".
Salute - Pronto Soccorso (Foto internet)

"La prima buona notizia è che si stanno riassestando i flussi al Pronto soccorso. All'epoca dell'emergenza Covid-19 erano quasi tutti relativi al virus. Ora, che stiamo tornando progressivamente alla normalità, ci ritroviamo a fronteggiare ogni tipo di patologia. Cio' avviene con un'attenzione in più, perché sottoponiamo tutti coloro che arrivano al Pronto soccorso a tampone, per individuare eventuali casi asintomatici". Lo ha detto Marco Bosio, direttore generale dell'ospedale Niguarda di Milano. "L'ospedale Niguarda - ha spiegato il direttore generale - in questi mesi dell'emergenza Coronavirus ha trattato piu' di 1.200 pazienti, attivato 96 posti letto di terapia intensiva, pur mantenendo attive strutture di eccellenza come, ad esempio, l'area dei trapianti, quella cardiovascolare o, ancora, l'unita' spinale. Abbiamo effettuato 2.500 interventi chirurgici e 49 trapianti proseguendo cosi' anche l'attivita' no-Covid". Guardando all'attività del Niguarda, il direttore Bosio ha ricordato che il 12% dei pazienti giunge da fuori regione e che, qualche settimana prima del Covid, l'ospedale ha ricevuto una 'certificazione' che lo colloca al 47° posto nella classifica 'World's best hospitals 2020', della rivista americana 'Newsweek', realizzata in collaborazione con 'Statista Inc.' e 'Geoblue'. Unica realtà italiana nella graduatoria dei migliori ospedali del mondo. "Nella sezione di questa graduatoria, dedicata all'Italia, tra i primi dieci - ha quindi precisato il dottor Bosio - ci sono cinque strutture lombarde".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento