meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nessuna nuvola significante
Dom, 29/11/2020 - 23:20

data-top

lunedì 30 novembre 2020 | ore 00:12

Scuole: strade car free

Una nuova strada car free si è aggiunta a quelle già attive a Milano per la sicurezza dei bambini e delle bambine all’ingresso e all’uscita dalle scuole.
Milano - Ingresso alle scuole (da internet)

Una nuova strada car free si è aggiunta a quelle già attive a Milano per la sicurezza dei bambini e delle bambine all’ingresso e all’uscita dalle scuole. Si tratta di via Quarenghi, nel Municipio 8, l’ultima in ordine di tempo ad essere stata attivata.
Partite nel 2012 nelle vie Palermo, Casati e Rasori, le strade car free sono oggi 17, a cui si aggiungerà nelle prossime settimane via Salerno, per un totale di 9.000 alunni interessati e 2,8 km di strade chiuse al traffico dalle 8.15 alle 8.45 e dalle 16.15 alle 16.45, dal lunedì al venerdì, grazie all’ausilio degli agenti della Polizia locale.
“Stiamo lavorando per l’attivazione dell’ultima strada car free con questa impostazione – dichiara l’assessore alla Mobilità Marco Granelli – con l’obiettivo di intervenire in futuro con meccanismi di chiusura automatica o strutturale, laddove possibile, e di mantenere questa tipologia solo in casi particolari dovuti a situazioni temporanee”.
“Le strade car free – aggiunge la vicesindaco Anna Scavuzzo – ci permettono di aumentare la sicurezza dei più piccoli all’ingresso e all’uscita da scuola, richiedendo un impegno di Polizia locale meno oneroso e quindi più sostenibile”.
L’esigenza di rendere car free il tratto di via Quarenghi tra via Kant e via Popper è nata dallo spostamento temporaneo degli studenti di via Brocchi, che ha portato sulla via un’affluenza di circa 900 studenti ogni giorno.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Invia nuovo commento