meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 23°
Lun, 03/10/2022 - 18:50

data-top

lunedì 03 ottobre 2022 | ore 19:39

Lombardia: droni nelle coltivazioni

Lombardia prima Regione a sperimentare i droni nelle coltivazioni, precisamente in olivicoltura. L’agricoltura lombarda per garantire integrità e varietà delle sue produzioni combatte da anni i pesanti danni causati da insetti alieni e malattie.
Ambiente - Droni nelle coltivazioni

Lombardia prima Regione a sperimentare i droni nelle coltivazioni, precisamente in olivicoltura. L’agricoltura lombarda per garantire integrità e varietà delle sue produzioni combatte da anni i pesanti danni causati da insetti alieni e malattie. Regione Lombardia ha sviluppato un piano che prevede l’utilizzo del drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari a protezione delle colture; un programma di azioni che è partito dalla sperimentazione su riso e vite e ora interessa anche le coltivazioni olivicole. Proteggere le piante e le coltivazioni da parassiti e malattie rappresenta quindi un investimento per la salvaguardia del patrimonio vegetale, ma anche una valida strategia per ridurre le perdite produttive e tutelare la funzione sociale che il verde riveste. Regione Lombardia è particolarmente sensibile alla tutela della salute delle piante, siano esse fonte di reddito o parte dell’arredo delle nostre città. I prodotti fitosanitari rappresentano un mezzo tecnico strategico in tutti i processi produttivi agricoli, sia integrati che biologici. La Lombardia, come Regione, ha sviluppato un piano che prevede l’utilizzo del drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari a protezione delle colture, partendo dalla sperimentazione su olivo, riso e vite. In Lombardia prima dell’utilizzo dei droni in olivicoltura le prime sperimentazioni sono iniziate alcune settimane fa in provincia di Pavia e di Sondrio.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi