meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Mar, 26/01/2021 - 20:50

data-top

martedì 26 gennaio 2021 | ore 21:36

Sparatoria a Malpensa. Paura al Terminal 1

Nessun allarme attentato. Un tunisino arriva a bordo di un suv e sfonda la porta 14 delle Partenze. Era armato di coltello, subito immobilizzato dagli agenti della Polizia.
Malpensa - Sparatoria al Terminal 1

Nessun allarme terrorismo. Scongiurata, quindi, questa ipotesi, stamattina a Malpensa si sono, comunque, vissuti attimi di grande agitazione e paura. E' al Terminal 1 dello scalo varesino, infatti, che poco prima delle 11.30 un uomo di nazionalità tunisina ha sfondato con un suv la porta 14 dell'area partenze. Da quanto si è saputo il cittadino extracomunitario, dopo essere finito contro uno degli ingressi dell'aeroporto, sarebbe sceso brandendo un coltello, con cui avrebbe cercato di aggredire anche un agente della Polizia, prontamente intervenuto per bloccarlo. A questo punto, quindi, il collega, che si era portato sul posto per fermare il tunisino, avrebbe sparato ferendo l'uomo ad un piede. Subito immobilizzato è stato, successivamente, portato all'ospedale di Gallarate dove, piantonato dalla Polizia, è stato sottoposto ad una medicazione. A scatenare il gesto del cittadino extracomunitario, pare sia stata la decisione della moglie, italiana, di partire con le figlie. L'uomo si trovava, infatti, in auto con la stessa donna e le figlie quando, arrivato allo scalo varesino ha, improvvisamente, cambiato direzione lanciandosi contro la porta 14 dell'area Partenze (rimane, comunque, tutta da chiarire l'esatta dinamica dell'episodio. Questa, infatti, sembra essere la prima ricostruzione). A questo punto il tunisino sarebbe sceso, brandendo un coltello per impedire che la moglie partisse (avrebbe minacciato anche alcune persone presenti, gridando diverse frasi) e provocando, contemporaneamente, la reazione degli agenti. Da quello che si è saputo il mezzo sarebbe, inoltre, di provenienza furtiva: rubato poco prima nel Legnanese.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi