meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 28°
Lun, 16/09/2019 - 16:20

data-top

lunedì 16 settembre 2019 | ore 17:04

"Lavoro costante dentro e fuori"

Ultimi giorni prima delle urne, il candidato di 'Centro Destra Unito', Angelo Pirazzini (già primo cittadino dal 2009 al 2014): che sindaco sarà? E, perché votare la vostra lista?
Busto Garolfo - Centro Destra Unito

Due parole chiave e fondamentali: dialogo e confronto. “Le stesse che, in fondo, mi hanno sempre contraddistinto e caratterizzato fin dagli inizi della mia attività politica e, poi, quando ho ricoperto l’incarico di sindaco dal 2009 al 2014”. Due concetti, insomma, chiari e ben precisi per il candidato del Centro Destra Unito, Angelo Pirazzini, in ottica presente e futura. “Sarò un primo cittadino, lo ripeto, aperto al dialogo, che crede al confronto con la popolazione e sempre pronto a promuoverne a livello isitituzionale le necessità e le proposte. Atteggiamento questo che ha fatto e fa parte di me ogni giorno. Non solo, importante dovrà essere la concentrazione nel portare a termine i punti del programma e, in parallelo, pure la capacità di adattarsi in maniera plastica e propositiva alle nuove esigenze e richieste che potrebbero presentarsi. Personalmente, inoltre, essendo già stato sindaco so, infatti, che l’impegno deve essere costante sia nel palazzo Municipale sia all’esterno, in mezzo alle persone; un primo cittadino non può circoscrivere la sua attività unicamente alla giornata, ma anche la sera, spesso per risolvere problematiche legate alla sicurezza o al sociale”. Un’attenzione per Pirazzini, dunque, che sarà a 360 gradi. “Per questo votare la nostra lista vuol dire scegliere ed affidarsi ad un gruppo di esperienza e di grande motivazione con un candidato che ama il suo paese, affiancato da gente che ha acuore Busto Garolfo e la frazione di Olcella e che mette anima e cuore in tutto quello che fa e andrà a fare. Condivisione, dialogo e confronto con la popolazione sono i nostri capisaldi che ci guidano dal primo momento che ci siamo messi ad un tavolo per creare la squadra”.

Rispondi