meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 22°
Gio, 02/07/2020 - 08:20

data-top

giovedì 02 luglio 2020 | ore 09:07

Il ponte si fa... piccolo

Per tutto il weekend scorso al Teatro Iris di Turbigo la mostra sul ponte sul fiume Ticino, al confine tra Lombardia e Piemonte. Creato un modellino di 6,40 metri.
Turbigo - Alessandro Schirone con il modellino del ponte sul Ticino

Uno dei principali collegamenti del nostro territorio (da una parte la Lombardia, dall'altra il Piemonte) e un vero e proprio pezzo di storia. Chissà, alla fine, quante volte l'avrete attraversato, rimanendone magari anche colpiti dall'imponenza che si presentava davanti ai vostri occhi (sopra la ferrovia, sotto, invece, le auto ed i vari mezzi in transito e guardando ancora più giù lo scorrere del fiume Ticino) e perchè no facendovi contemporaneamente pure qualche domanda sulle particolarità, le caratteristiche e la struttura in generale. Se si potesse, insomma, osservare meglio e ripercorrere alcune delle sue principali fasi... detto, fatto, perchè il ponte sul Ticino per tutto il weekend scorso si è messo in mostra al teatro Iris di Turbigo. Un bellissimo modellino di 6,40 metri (non l'attuale, però, è bene precisarlo, bensì quello che c'era prima dei bombardamenti del 1944) a disposizione dei visitatori che hanno così potuto ammirarlo da vicino e conoscere i vari momenti della sua storia (il tutto accompagnato, in parallelo, da un'esposizione documentaria a cura di Giuseppe Grigolon e Gianfranco Martelli del Gruppo Storico Archeologico Galliatese, con la collaborazione di Fabio Clerici). "L'idea nasce da una ricerca legata al nostro Turbigo - Il modellino del ponte sul fiume Ticino territorio (io sono di Romentino) per quanto concerne il periodo della Seconda Guerra Mondiale - spiega Alessandro Schirone, l'autore appunto del modellino - Da qui, pertanto, siamo partiti e ci siamo messi al lavoro per riprodurre l'opera durante l'accampamento tedesco ed il Secondo Conflitto Mondiale. Per quanto concerne, poi, le caratteristiche tecniche, è lungo 6,40 metri per 150 circa ed è composto dalla sponda piemontese e lombarda e dalle tre parti del ponte. Mentre i materiali sono generici, in quanto ho usato legno, plastiche, resine, polistirolo, ecc... fino ai kit che sono i tradizionali che si comprano nei negozi di modellismo". Un impegno praticamente costante e quotidiano, che è durato un anno e che ha visto più fasi. "Inizialmente, infatti, siamo andati all'archivio storico di Novara, per prendere le misure e i disegni originali e poi rapportarli in scala - continua - Successivamente è stato il momento di dare forma al modellino: io mi sono occupato della parte territoriale, un mio carissimo amico della Sardegna (Manolo Garau), invece, ha realizzato tutto ciò che sta sopra, ossia mezzi e figurini". Un lavoro, alla fine, di concentrazione, attenzione e in modo particolare tanta pazienza. "Già - conclude Schirone - Durante la creazione, ad esempio, mi sono trovato a dover rifare alcuni pezzi, perchè avevo notato dei particolari che non rispecchiavano l'originale. Ma ce l'abbiamo fatta e adesso vederlo pronto è una grande soddisfazione e un'emozione".

ALESSANDRO E IL PONTE PRIMA DEI BOMBARDAMENTI

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi