meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 12°
Lun, 28/09/2020 - 23:20

data-top

martedì 29 settembre 2020 | ore 00:21

Pancetta... occhio alla bilancia

Tre milioni di lombardi in sovrappeso o obesi. L'analisi della Coldiretti regionale su dati istat, relativa agli ultimi 10 anni. L'anno peggiore il 2009, attorno al 42%.
Attualità - Pesarsi (Foto internet)

Tre milioni di lombardi in sovrappeso o obesi. Passato il pranzo di Natale e il cenone di Capodanno, consumate le ultime porzioni di panettone e cotechino, dopo la Befana scatterà l’ora della dieta visto che negli ultimi dieci anni – spiega un’analisi della Coldiretti regionale su dati Istat – in media ben 4 lombardi adulti su 10 sono risultati in sovrappeso o obesi. L’anno peggiore per la bilancia è stato il 2009 quando la quota di quelli con pancette, 'maniglie dell’amore' e 'maniglioni anti panico' sul girovita ha sfondato il 42 per cento. L’anno migliore è stato il 2005 con il 37,4 per cento. Nettamente più virtuose le donne fra le quali solo il 28,4 per cento è in sovrappeso contro quasi il 49 per cento degli uomini. Nonostante questo però – spiega la Coldiretti Lombardia – la vita media dei lombardi si è allungata di circa due anni passando da quasi 81 nel 2005 a poco meno di 83 anni nell’ultimo decennio. E’ cresciuta – afferma Coldiretti Lombardia – la consapevolezza dell’importanza di un’alimentazione di qualità, sana ed equilibrata, con la ricerca di prodotti da mettere in tavola che diano sempre maggiori garanzie di sicurezza e legame con i territori, come quelli che si possono trovare nei punti vendita a chilometro zero che negli ultimi sei anni in Lombardia sono più che triplicati, passando da 257 del 2010 ai 960 attuali. La vendita a km zero – spiega la Coldiretti – è più diffusa nelle province di Pavia (con 165 punti), Brescia (162), Bergamo (133) e Milano (118). A seguire Sondrio (83), Varese (66), Como (56), Cremona (56), Mantova (35), Monza e Brianza (33), Lecco (28), Lodi (25). In particolare – continua la Coldiretti – si registra un vero e proprio boom degli spacci in cascina, passati da 169 a 852 (+400%), mentre i farmers’ market hanno raggiunto quota 100 e vengono scelti per la possibilità di trovare nello stesso luogo più prodotti locali e di stagione, offerti direttamente dall’agricoltore. In Lombardia – spiega un’indagine Coldiretti/Ixè – più di 9 consumatori 10 che fanno la spesa in un mercato degli agricoltori si ritengono soddisfatti. Inoltre il 97% si dice disposto a ritornare e il 96% lo consiglierebbe ad amici, parenti e conoscenti. “I farmers’ market – spiega Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia – non sono semplici luoghi di ricerca e acquisto di prodotti agroalimentari ma sono diventati anche spazi di aggregazione e cultura con corsi di formazione per l’orto, laboratori didattici per i bambini, esercitazioni con gli agrichef e mattinate con i tutor della spesa”. L’Italia – conclude la Coldiretti – ha conquistato in pochi anni la leadership mondiale nei mercati contadini davanti agli Usa e Francia con la più vasta rete mondiale di vendita diretta grazie alla Fondazione Campagna Amica alla quale fanno riferimento, oggi, quasi ventimila agricoltori. Per facilitare l’incontro tra produttori e consumatori è nata “Farmersforyou”, l’applicazione di Coldiretti che permette di scegliere i mercati di Campagna Amica, le fattorie, e le botteghe dove poter acquistare il vero Made in Italy agroalimentare, ma anche i ristoranti che offrono menù con prodotti acquistati direttamente dagli agricoltori di Coldiretti.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi