meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 20°
Sab, 13/08/2022 - 01:20

data-top

sabato 13 agosto 2022 | ore 02:25

Inseguendo un sogno

Turbigo - Laura Garavaglia

E' il 1989 è un grande anno per la pallavolo della nostra zona: Laura Garavaglia è di Turbigo, ha giocato le ultime stagioni in serie A2, tra Novara, Monza e Pavia, ma quest’anno ha scelto di tornare in serie B1 per sposare il progetto della Belsorriso Millenium Brescia. E per giocare con una signora della pallavolo che di nome fa Manuela Leggeri. “Ho iniziato a giocare a Turbigo in prima media. C’erano delle amiche che avevano iniziato a giocare e mi sono aggregata, mi è sempre piaciuto fare due tiri in cortile. Da lì è cominciata una vera passione. Sono stata notata dall’Asystel Novara, dove ho giocato un bellissimo anno nell’under 18, un ambiente nuovo e bellissimo, sempre in contatto con le giocatrici di serie A. Da lì ho passato quattro anni a Novara con qualche apparizione in serie A e in Coppa CEV, successivamente sono passata all’Ornavasso di Alessia Ghilardi e Sara Loda, sempre in B1. A Novara ci sono tornata l’anno della promozione in serie A1, un altro anno bellissimo. Una promozione ti ripaga di tutto, è stato uno dei miei migliori anni pallavolistici. Così come a Monza, quando però abbiamo perso la finale playoff”. E ora l’esperienza a Brescia, con il primo posto [image:332777 align=right width=200]nel girone di Campionato e una final four di Coppa Italia in arrivo, nella speranza di conquistare qualcosa di importante. “Quando ho saputo che sarebbe arrivata Leggeri, non ho avuto dubbi. Lei è una persona stupenda, da cui c’è sempre da imparare. Si tratta di un progetto solido, non campato per aria. Il nostro calendario però è molto lungo, non c’ero abituata: a quest’ora gli scorsi anni avevo quasi finito, adesso ho davanti ancora due mesi abbondanti”. Ma il sogno nel cassetto rimane quello di far parte di una rosa di A1: “Sono consapevole che ci sono tante ragazzine fisicamente impressionanti, che iniziano da giovanissime a giocare. Però dare una mano e fare anche solo una panchina di A1 mi piacerebbe”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi