meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Mer, 01/12/2021 - 23:20

data-top

domenica 05 dicembre 2021 | ore 20:22

Commercio alta frequenza

Più del 60% delle operazioni sui mercati finanziari è eseguito da computer. Si chiama 'high frequency trading': grandi banche di investimento, ma anche piccoli operatori.
Economia e finanza - Commercio alta frequenza (Foto internet)

Il tema della tecnologia che prende il sopravvento sull’uomo risale ad epoche di gran lunga precedenti le celebri opere cinematografiche che l’hanno reso noto al grande pubblico, come Metropolis e Terminator. Quel che James Cameron aveva però immaginato potesse accadere in ambito militare, in realtà sta oggi accadendo in ambito finanziario. Ad oggi, più del 60% delle operazioni sui mercati finanziari è eseguito da computer, che sulla base di complessi algoritmi inoltrano ordini di compravendita su vasta scala per lucrare su temporanee ed infinitesimali differenze di prezzo. Si chiama ‘high frequency trading’ (letteralmente, commercio ad alta frequenza) ed è condotto da grandi banche di investimento così come da piccoli operatori specializzati, che sfruttano momentanee possibilità di guadagno immettendo anche decine di migliaia di ordini nel giro di pochi secondi. Questi operatori godono di un significativo vantaggio rispetto agli investitori tradizionali in termini di rapidità di accesso al mercato, permettendo loro di ottenere grandi profitti da mere operazioni di arbitraggio o speculazione che non hanno nessuna utilità per l’economia reale ed anzi contribuiscono in maniera sostanziale ad aumentare la volatilità sui mercati finanziari. Già J. M. Keynes, uno dei principali economisti del XX secolo, aveva dichiarato: “Gli speculatori possono non fare danni fintanto che restino bolle nel mare delle imprese. Ma la situazione è grave quando un’impresa diventa una bolla in un vortice di speculazione”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi