meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto -1°
Gio, 27/01/2022 - 00:50

data-top

giovedì 27 gennaio 2022 | ore 00:59

Circostanze eccezionali

La situazione in Italia e in Europa. Il nostro Paese, il futuro che ci attende, il cambiamento e, poi, la realtà della Grecia: messo a confronto con noi.
Rubriche Economia e Finanza - Circostanze eccezionali

Di una cosa bisogna rendersi conto: andrà molto peggio, prima di andare meglio. È bene che tutti noi ci si prepari a circostanze davvero eccezionali, perché tale è la situazione in cui l’Italia e l’Europa si trovano. Bisogna convincersi che il progresso, l’idea che ogni generazione debba vivere meglio della precedente, non è un cammino rettilineo e uniforme. A volte accelera, altre rallenta, altre ancora torna sui suoi passi. Ed è proprio quello che sta succedendo. Corriamo il rischio, forse per la prima volta in cinquant’anni, che la nuova generazione abbia meno di quella che l’ha preceduta. È una pillola amara da ingerire, quella del sacrificio, ma mai tanto amara quanto quella prescritta al popolo greco. La Grecia è uno stato tecnicamente fallito, tenuto artificialmente in vita per ripagare i propri debiti verso le banche, ma incapace di pagare invece stipendi, pensioni, imprese e medicinali. Si stima che entro la fine di luglio Atene non avrà più fondi per retribuire i dipendenti pubblici e per il sistema previdenziale. Con l’ultima manovra i salari minimi sono stati decurtati del 22%, mentre la disoccupazione giovanile tocca il 53%. Circostanze eccezionali, per l’appunto, che l’Italia probabilmente non sperimenterà mai. Ma servirà qualche sacrificio. A chi critica tanto superficialmente questo governo, consigliamo di parlarne con un greco. Lui, un governo vero, ancora non ce l’ha. E ce lo pagherebbe a peso d’oro, se potesse.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi