meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 27°
Lun, 17/06/2024 - 17:50

data-top

lunedì 17 giugno 2024 | ore 18:59

'Non abbastanza poveri': l'housing sociale per i redditi medio bassi

Il nuovo piano di Regione 'Missione Lombardia' è pensato per quei nuclei familiari con ISEE compreso tra 10-16.000 e 14-40.000€ e che quindi non può rientrare nella pianificazione strutturale per l'husing sociale.
Legnano - Case Aler (Foto 'Il Giorno')

"La Lombardia è la prima regione d'Italia a strutturare un piano per dare risposte alle necessità abitative delle famiglie a reddito medio (14-40.000 euro Isee) e medio-basso (10-16.000 euro Isee) che finora sono state raggiunte solo parzialmente dall'intervento pubblico". Lo ha detto l'assessore regionale alla Casa e Housing sociale intervenendo oggi a Milano all'evento per il 50esimo anniversario del Consorzio Cooperative Lavoratori (Ccl).
 
AZIONE DI REGIONE - "L'azione di Regione per implementare l'housing sociale - ha detto l'assessore regionale - ben si lega con il modello cooperativo che Ccl sta portando avanti in particolare in una realtà complessa come quella milanese. L'aumento generalizzato dei costi di realizzazione ha delle ricadute significative sia sui canoni di locazione sia sul possibile mix tra vendita e affitto: le città devono continuare a essere attrattive e accessibili per le famiglie di reddito medio e per i lavoratori dei servizi".
 
PROGRAMMI HOUSING SOCIALE - In quest'ottica la Regione, attraverso il piano denominato 'Missione Lombardia' entro il 2024 attiverà 10 nuovi programmi di housing delle Aler per la fascia media e la fascia medio bassa.
 
IN CAMPO 50 MILIONI DI EURO - "Come Regione - ha proseguito l'assessore - abbiamo previsto oltre 50 milioni di euro per il Piano Casa e un primo bando da circa 14 milioni di euro, che si è appena concluso, per finanziare iniziative promosse dai soggetti pubblici e privati in grado di offrire nuove opportunità abitative per le famiglie a costi accessibili".
 
Il bando evita ulteriore consumo di suolo e parte dunque dal patrimonio edilizio esistente, con particolare attenzione ai territori ad alta tensione abitativa o che necessitano di un incremento del fabbisogno abitativo.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento