meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 22°
Mar, 09/08/2022 - 00:20

data-top

martedì 09 agosto 2022 | ore 01:28

Crisi idrica: "Attenzione e responsabilità"

Crisi idrica, parla il sindaco di Inveruno, nonché consigliere delegato per Città Metropolitana alla Protezione Civile, Sara Bettinelli: "Attenzione responsabilità".
Inveruno - Il sindaco Sara Bettinelli

Un nuovo stato di emergenza, una nuova criticità che nessuno si aspettava di dover affrontare così a breve. La grave crisi idrica del Nord Italia, e non solo, è un segnale drammatico degli effetti del cambiamento climatico sulle nostre quotidianità. Canali e fiumi quasi in secca, con grande ‘sete’ per le colture e le attività. Un’osservatorio particolare, in questa precisa fase, spetta ora alla Protezione Civile , per delega diretta dello stato d’emergenza Nazionale e per i compiti affidati dalla Regione. Sara Bettinelli, sindaco di Inveruno e consigliere delegato per Città Metropolitana alla Protezione Civile, fa così il punto: “La situazione è sicuramente di ‘attenzione’ - spiega – ma già ora ci sono diverse attività che stanno pagando un prezzo molto caro di quello che accade. Non è stato attivato questo stato di emergenza solo in fase precauzionale, ma anche perché la gravità è evidente: il Consorzio Villoresi ha già razionalizzato le acque per scopi agricoli. L’obiettivo è lavorare in modo precauzionale ora per evitare che la situazione possa peggiorare poi”.

Il gruppo CAP che gestisce la rete idrica del territorio ha più volte tranquillizzato che non manca l’acqua potabile, ma tramite gli enti preposti per iniziare a porre delle limitazioni agli sprechi e agli utilizzi non necessari. Ora vi è un’ordinanza Regionale che ogni Comune sta applicando sulle proprie esigenze. Dove il singolo Comune non interviene vale l’ordinanza di Regione Lombardia. “Non è il momento dello spreco né dell’utilizzo non strettamente necessario – conclude Bettinelli – ora il sistema di Protezione Civile è stato incaricato di fare un’analisi precisa, con una fase ricognitoria per valutare quelle che sono le strumentazioni disponibili laddove ci fossero criticità per intervenire”.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Invia nuovo commento