meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 13°
Gio, 02/02/2023 - 11:50

data-top

giovedì 02 febbraio 2023 | ore 12:29

Linate: la mostra 'I Giusti tra le Nazioni'

Anche quest’anno SEA, a fianco dell’Associazione Figli della Shoah, si impegna a non dimenticare con una mostra inedita all’aeroporto di Linate, lo scalo milanese da anni tra gli appuntamenti della settimana della Memoria di Milano.
Milano / Eventi - La mostra a Linate

Anche quest’anno SEA, a fianco dell’Associazione Figli della Shoah, si impegna a non dimenticare con una mostra inedita all’aeroporto di Linate, lo scalo milanese da anni tra gli appuntamenti della settimana della Memoria di Milano. Nell’area check-in un progetto espositivo di 24 pannelli rende omaggio ai “Giusti”, cioè a coloro che hanno cercato di aiutare, assistere e in alcuni casi salvare la vita agli ebrei che dovevano nascondersi dalla persecuzione. Negli anni ’60 l’Istituto Yad Vashem di Gerusalemme sviluppò un progetto internazionale per assegnare il titolo di “Giusto fra le Nazioni” alle persone non ebree che, disinteressatamente e a rischio della propria vita o quella dei loro famigliari, salvarono gli ebrei durante la Shoah. Da allora il concetto di “Giusto” che risale al Talmud, testo fondamentale della religione ebraica, è diventato un simbolo importante ed universale. Durante il secondo conflitto mondiale il destino dei cittadini ebrei nei territori del Terzo Reich e nelle nazioni da loro occupate, dipese sia dalla politica tedesca e collaborazionista, sia dall’atteggiamento delle popolazioni locali. Nella gran parte dei casi, i cittadini scelsero di ignorare la persecuzione e l’eliminazione dei loro vicini ebrei, nonostante vivessero fianco a fianco da secoli. Il terrore che i tedeschi instillarono nelle popolazioni locali, unito alla tendenza umana al conformismo, portarono la maggioranza silenziosa a concentrarsi sulle difficoltà personali e a non interessarsi alla sorte degli ebrei. Talvolta la situazione insostenibile degli ebrei venne persino sfruttata per trarne profitto: questi ultimi furono ricattati con minacce di denuncia e le loro proprietà depredate all’atto della deportazione. Il collaborazionismo con i tedeschi si manifestò nella delazione riguardo a ebrei nascosti, nella partecipazione al loro arresto e addirittura nel loro assassinio. Questo progetto espositivo, grazie ai documenti tratti dagli archivi dell’Istituto dello Yad Vashem, desidera rendere omaggio a coloro che, viceversa, si prodigarono attivamente per prestare assistenza agli ebrei e per salvargli la vita e che costituirono purtroppo, in termini numerici, un fenomeno marginale.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi