meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno
Sab, 22/01/2022 - 17:50

data-top

sabato 22 gennaio 2022 | ore 17:54

Squarci di colore ed eleganza

Sta per calare il sipario sulla Fashion Week milanese. Ancora tante, comunque, le emozioni che si sono vissute in questi ultimi giorni... Aspettando la moda di Parigi.
Tempo Libero Moda - Mila Schon

Sulla Settimana della Moda sta per calare il sipario, ma come in tutte le migliori pièce teatrali i colpi di scena sono tenuti per ultimi per incantare e stupire gli spettatori. Ecco allora che nella sesta e penultima giornata i protagonisti sono ancora i grandi nomi della moda: da Dsquared2 ad Iceberg, da Giorgio Armani a Mila Schon, le sorprese in passerella non sono certo mancate.
I gemelli Dean e Dan Caten del duo firmato Dsquared2 hanno proposto una nuova versione di donna, mai ancora esplorata finora. Una cowgirl alla ‘Brokeback mountain’ riletta però in chiave eccentrica e sbarazzina, uno stile maschile già proposto sulle passerelle ma con un tocco selvaggio e libero. Camicie vissute a quadrettoni, pellicce alla caviglia, jeans dall’effetto invecchiato e l’immancabile cappello da cowboy fanno della donna Dsquared2 una pioniera coraggiosa e caparbia, alla conquista del futuro Far West.
Tutt’altro stile sulla passerella firmata Iceberg, che preferisce una donna più classica, più rigorosa, ma che va incontro alla stagione fredda con audacia e ottimismo. I toni invernali del grigio e del nero vengono squarciati da intensi arancio, azzurro e giallo, quasi a sfidare la neve che verrà. Completi maschili, cardigan e tanta maglia, coccolata da inserti di pelliccia costituiscono il guardaroba perfetto della donna metropolitana.
Grande atmosfera ed emozione da Giorgio Armani, che come al solito non sbaglia una collezione. Lo stilista che da sempre veste le donne come uomini, dona loro anche stavolta un’allure assolutamente sensuale e conturbante. Completi doppiopetto, lunghezze fino alla caviglia, effetti multistrato per il giorno e luminosi vestiti a palloncino per la sera sfatano la bellezza androgina della donna Armani e le donano un’inattesa femminilità. La palette colori dal cipria al grigio polvere, dal rosa carne al grigio fanno della collezione la quintessenza dell’eleganza.
Conclude la giornata i bozzetti disegnati a matita da Mila Schon: abiti perfetti dalla silhouette squadrata costituiscono un tributo all’opera del designer olandese Tomáš Gabzdil Libertiny. Colori intensi, dall’arancione al tortora, dal rosso al verde bosco, per una collezione che punta tutto su cappe e cappotti, vero must della stagione.
Grande attesa ora per l’ultima giornata, che vedrà protagonisti i nomi emergenti del settore anticipati dal brand 1^ Classe – Alviero Martini, ma soprattutto per l’apertura della Fashion Week di un’altra capitale della moda, forse la più importante: Parigi. Non si fa in tempo a mettere la parola ‘Fine’ su quella di Milano, che già è ora di fare i bagagli per la Francia. Ma d’altronde si sa, la moda è in continua evoluzione e per starle dietro ci vuole un buon allenamento e delle buone scarpe. Col tacco, ovviamente.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi