meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno 15°
Mar, 02/03/2021 - 17:20

data-top

martedì 02 marzo 2021 | ore 18:07

Accordi per l'innovazione

Pirelli Tyre spa, Newlat Food spa e Candy Hoover Group srl: sono queste le tre grandi società con cui la Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell'assessore allo Sviluppo economico, Guido Guidesi, ha approvato accordi per l'innovazione con la partecipazione del Ministero dello Sviluppo economico.
Attualità - Innovazione (Foto internet)

Pirelli Tyre spa, Newlat Food spa e Candy Hoover Group srl: sono queste le tre grandi società con cui la Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell'assessore allo Sviluppo economico, Guido Guidesi, ha approvato accordi per l'innovazione con la partecipazione del Ministero dello Sviluppo economico. L'impegno economico di Regione Lombardia sui tre progetti è di complessivamente 608.097 euro. GUIDESI: INVESTIMENTO SULL'INNOVAZIONE - "Il finanziamento di Regione Lombardia, di 608.097 euro, approvato oggi si aggiunge ai circa 620.000 euro già stanziati la settimana scorsa, risorse che abbiamo deciso di investire per lo sviluppo di 8 progetti innovativi di imprese inserite sul nostro territorio". PIRELLI CONTINUA LA SUA TRASFORMAZIONE DIGITALE - Obiettivo del progetto della società Pirelli Tyre spa è la completa digitalizzazione, standardizzazione, connessione ed integrazione dei propri processi gestionali e produttivi con lo scopo di rendere ancora più efficiente e flessibile lo sviluppo di prodotti e processi su tutta la catena di fornitura, migliorare ulteriormente la qualità dei prodotti, gestire la complessità e ridurre i tempi del lancio dei prodotti sul mercato. Il costo previsto per la realizzazione del progetto di ricerca e sviluppo ammonta ad 11.597.500 euro. La quota a carico della Regione è pari a 347.925 euro. Il progetto, che avrà importanti riflessi a livello nazionale, contribuisce a favorire l'ulteriore crescita delle attività di Ricerca e Sviluppo dell'headquarters Pirelli di Milano Bicocca, che ospita il centro principale di R&D del gruppo che attualmente occupa oltre 400 addetti. SOLUZIONI INNOVATIVE PER LA CONSERVAZIONE DEL CIBO - La Newlat Food spa è una multinazionale nata nel 1957 operante nel settore dell'alimentare, con una forte vocazione all'export. L'attuale società è nata dalla fusione per l'incorporazione della ex Newlat spa con il marchio Giglio, Pezzullo e Molini Pastificio spa (successivamente ha modificato la sua ragione sociale in Newlat Food spa). Il progetto vuole sviluppare la ricerca di nuove soluzioni di packaging per prodotti da forno, di nuove tecnologie di trasformazione e trattamento per alimenti destinati a specifiche categorie di consumatori, di tecnologie e soluzioni innovative per il miglioramento delle tecniche tradizionali di conservazione degli alimenti, con riferimento al confezionamento primario di prodotti lattiero-caseari. L'investimento complessivo è di 14.926.293,75 euro con un contributo regionale pari a 95.604 euro. TRASFORMAZIONE DIGITALE DELL'OLD ECONOMY - Per quanto riguarda il progetto che ha come capofila Candy Hoover Group srl sono interessate anche le regioni: Emilia-Romagna, Lazio e Veneto. La proposta progettuale si inserisce nel contesto di creazione di ecosistemi collaborativi con finalità di accelerazione dell'implementazione di soluzioni innovative sulle tecnologie esponenziali per facilitare la Trasformazione Digitale di settori industriali caratterizzanti della 'old economy'. Il progetto, denominato 'La cucina del futuro', ha l'obiettivo di annullare i confini fisici, rendendo tutto trasparente, per un controllo virtuale e delocalizzato. Il costo previsto per la realizzazione del progetto di ricerca e sviluppo ammonta a euro 6.355.000. La quota a carico di Regione è pari a 164.550 euro.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi