meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo sereno -1°
Lun, 25/01/2021 - 08:50

data-top

lunedì 25 gennaio 2021 | ore 09:24

Il 15 gennaio... #ioapro

La protesta pacifica di ristoranti e bar, per venerdì 15 gennaio. Tavoli apparecchiati e clienti seduti (senza, però, consumare): "Contro le restrizioni del Dpcm".
Attualità - #ioapro (Foto internet)

Due hashtag #ioapro e #nonspengopiùlamiainsegna. L'appuntamento è per venerdì 15 gennaio, vigilia dell'entrata in vigore del nuovo Dpcm che dovrebbe prevedere misure ancora più restrittive per bar e ristoranti. E, così, sono proprio gli stessi titolari e gestori di queste attività, ormai stremati da un anno di continui apri e chiudi, a voler far sentire ancora più forte la loro voce e il loro disappunto. L'idea è quella di una protesta pacifica, senza però trasgredire alle norme, che li vedrà accogliere ugualmente nei loro locali i clienti, che si siederanno ai tavoli in segno di solidarietà e vicinanza alla categoria. "Non spengo più la mia insegna, io apro - si legge nei vari messaggi di annuncio dell’iniziativa - La nostra, voglio ribadirlo, è una protesta pacifica volta a dimostrare il nostro senso di responsabilità e la nostra capacità di rispettare e far rispettare le regole di prevenzione del Covid-19. Ai partecipanti è richiesto di accomodarsi al tavolo assegnato (non più di 4 persone) e di rimanere seduti e composti. La mascherina andrà indossata per accedere al locale e per alzarsi per qualunque motivo. Una volta seduti potrà essere tolta, piegata e messa via. Non sarà possibile somministrare cibi e bevande, quindi consumarle in loco. Vi chiediamo di passare una mezz'ora con noi e di pubblicare un selfie con gli hashtag #nonspengopiùlamiainsegna e #ioapro, taggandovi all'interno dal locale. Tutti i partecipanti verranno omaggiati con un piccolo ringraziamento d'asporto per la collaborazione. Grazie per il supporto".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi