meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nessuna nuvola significante
Dom, 29/11/2020 - 23:20

data-top

domenica 29 novembre 2020 | ore 23:42

Bando immobiliare

Si è aperto ufficialmente il bando di Regione Lombardia per interventi di recupero del patrimonio immobiliare pubblico e privato sfitto, invenduto o sottoutilizzato e per la sua destinazione a servizi abitativi sociali. La dotazione del bando è di 23 milioni.
Immobiliare - Bando immobiliare (Foto internet)

Si è aperto ufficialmente il bando di Regione Lombardia per interventi di recupero del patrimonio immobiliare pubblico e privato sfitto, invenduto o sottoutilizzato e per la sua destinazione a servizi abitativi sociali. La dotazione del bando è di 23 milioni e le domande vanno presentate via telematica sul portale dedicato del sito di Regione Lombardia (https://www.bandi.regione.lombardia.it) entro il 30 novembre alle 12. UN AIUTO A CHI NON PUO' PERMETTERSI AFFITTO A LIBERO MERCATO - "Si tratta di una misura - chiarisce l'assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e Disabilità - pensata per andare incontro alle richieste di chi non ha le possibilità economiche per stipulare un contratto di affitto a libero mercato ma dispone di un indicatore ISEE troppo alto per ottenere una casa popolare. Un aiuto indiretto a tante famiglie e 'single' lombardi che, trovandosi nella cosiddetta 'fascia grigia', ogni giorno devono fare i conti con grandi difficoltà economiche senza aver diritto ai sostegni previsti per chi ha redditi bassi". TANTE NUOVE CASE A CANONI ACCESSIBILI - "Con questo provvedimento - spiega l'assessore - puntiamo a far rimettere sul mercato una parte del patrimonio immobiliare oggi non utilizzato e potenzialmente a rischio di degrado. Rappresenta l'ennesima dimostrazione dell'attenzione che Regione Lombardia dedica al tema del bisogno abitativo. Con l'apertura di questo nuovo bando i soggetti privati o pubblici che ne faranno richiesta potranno accedere ai fondi regionali per effettuare interventi di recupero di alloggi di cui sono proprietari o di cui, comunque, hanno la piena disponibilità. Per ottenerli dovranno impegnarsi a destinare gli appartamenti riattati a servizi abitativi sociali". CONTRIBUTI CRESCENTI E A FONDO PERDUTO - "Abbiamo dedicato una somma importante - evidenzia l'assessore - per soddisfare bisogni sociali emersi con estrema rilevanza in questo periodo post-emergenza Covid. Una situazione che va affrontata con rapidità e anche per questo abbiamo deciso di optare per finanziamenti interamente a fondo perduto. Il bando è dedicato a 133 comuni lombardi, appartenenti alla fascia cosiddetta 'ad alta tensione abitativa'. Dalla misura sono esclusi gli immobili di proprietà comunale e delle Aler. Il contributo sarà crescente in proporzione all'aumento del vincolo di destinazione, previsto tra un minimo di 8 anni e un massimo di 25".

LA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE - A seguire, l'elenco dei documenti da allegare alla domanda di partecipazione al bando:

- Incarico per la sottoscrizione digitale e presentazione telematica della domanda a valere sulla manifestazione di interesse.
- Documentazione attestante la legale rappresentanza ed i poteri di firma.
- Modulo di adesione.
- Lettera di adesione del Comune in cui è localizzato l'intervento proposto.
- Proposta di progetto e relativi allegati:
- Elaborati grafici.
- Cronoprogramma.
- Quadro tecnico economico.
- Scheda di calcolo della richiesta di finanziamento.
- Progetto di gestione sociale, se prevista.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi