meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 12°
Mar, 11/05/2021 - 21:50

data-top

martedì 11 maggio 2021 | ore 22:40

Don Antonio Mazzi e i suoi 'ragazzi cattivi'

La vita intera dedicata al prossimo, ad aiutare i giovani e chi è in difficoltà. Lo abbiamo incontrato a Milano: "La vita non è fatta di aggettivi, ma di verbi".
Sociale / Milano - Don Antonio Mazzi (Foto Facebook Fondazione Exodus)

L’amore, l’attenzione e la brillantezza di chi ha fatto della vita una vera e propria missione. Perchè, come ama ripetere “Quando stai con i giovani, non hai tempo di invecchiare”. E don Antonio Mazzi, con i suoi 90 anni, di ragazzi ne ha visti e, soprattutto, aiutati tantissimi. “Lavorare con loro è la cosa più bella; stare accanto a chi ha problemi o si trova in situazioni di difficoltà, potergli dare un sostegno e rendersi conto che, giorno dopo giorno, compie passi importanti, ti regala una grande emozione e gioia e, soprattutto, ti rendi conto di come ciascuno di noi può donare qualcosa al prossimo”. Quel concetto, insomma, per il quale la vita non è fatta di aggettivi, ma di verbi. “Già, una frase che cerco di trasmettere quotidianamente, perché sapete si dice spesso è buono, è bravo, è bello, ecc... invece serve essere, fare, condividere e non avere paura. Non dimenticate mai, infatti, che è l’avventura che fa la vita e, laddove non c’è avventura, non c’è vita”. Un messaggio che è il filo conduttore dell’importante attività e dell’impegno che da sempre don Antonio Mazzi mette in campo per quelli, come lui li ha definiti nel suo libro, ‘i ragazzi cattivi’ (‘Amo i ragazzi cattivi, questo il titolo’). “Un’espressione forse forte, che però serve per spiegare che non esistono giovani cattivi, bensì ci sono coloro che fanno delle cose sbagliate e noi educatori, quindi, abbiamo il compito di aiutarli a capire gli errori, perché sono tutti recuperabili”.

DON ANTONIO MAZZI: UNA VITA PER IL PROSSIMO

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. In queste settimane la pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi