meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Cielo coperto -1°
Gio, 27/01/2022 - 00:50

data-top

giovedì 27 gennaio 2022 | ore 00:32

Rischio precipitazioni intense

Riportiamo l'analisi del Centro Meteo Lombardo in merito all'evoluzione metereologica di questi giorni con la 'rottura del caldo estivo' e intense precipitazioni.
Meteo - Mappa precipitazioni di fine agosto 2018

Siamo alle porte di una breve – ma incisiva! – rottura del regime estivo, che comporterà precipitazioni localmente intense su parte della regione ed un repentino – ma provvisorio! – calo termico. Segue un’analisi di massima dell’evoluzione attesa.

ANALISI SINOTTICA GENERALE

Un’ampia perturbazione nord-atlantica, ricolma d’aria particolarmente fredda in quota, avvicinerà le Alpi nel corso della giornata di sabato. La porzione più meridionale di questo sistema perturbato andrà quindi ad isolarsi sul Mar Ligure entro il mattino di domenica, strutturando un vortice ciclonico che declinerà rapidamente in senso meridiano lungo il Mar Tirreno, determinando un marcato peggioramento del tempo sulla nostra Penisola. Le regioni nord-occidentali saranno liberate dal maltempo già dal pomeriggio di domenica, mentre al centro-sud Italia la situazione si risolverà entro lunedì sera.

Sebbene la maggior parte dei fenomeni sarà ancora di stampo temporalesco (ossia a carattere locale), in Lombardia è verosimile una breve fase di stampo inizio-autunnale (con precipitazioni abbondanti a carattere meno violento e più diffuso) tra la tarda notte di sabato e il mattino di domenica. In questo frangente sarà possibile la fugace ricomparsa della neve sulle Alpi a quote superiori ai 2000m circa (nulla di insolito per fine agosto, sia chiaro).

Chi ama l’estate non si spaventi: già dalla seconda parte di domenica attendiamo una veloce (anzi, velocissima!) rimonta anticiclonica, con sole splendente, cieli blu dipinti di blu e temperature gradevoli, più vicine alle medie del periodo (massime al piano tra 26 e 30°C). Queste condizioni di perentoria stabilità dai monti al piano si manterranno almeno fino a mercoledì 29. A seguire non ci sono segnali che indichino un declino stagionale, anzi. Molto probabilmente la prima parte del mese di settembre – pur nei limiti astronomici dell’ormai prossimo equinozio – regalerà un tipo di tempo ancora pienamente estivo.

PREVISIONI PER I PROSSIMI GIORNI IN LOMBARDIA
Aiutandoci con la grafica allegata, cerchiamo di delineare le fasi principali di questo episodio perturbato, con un occhio alle possibili criticità.

VENERDÌ 24 AGOSTO
Giornata di attesa. Osserveremo temporali già dal primo pomeriggio in fascia appenninica, con interessamento dell’Oltrepò orientale e locali sconfinamenti possibili al confine con l’Emilia. Nel corso del pomeriggio sono inoltre attesi temporali su estremo est Mantovano e Gardesano, al confine con il Veneto. Rovesci sparsi saranno possibili nel comparto alpino per tutto il corso della giornata. Entro il tardo pomeriggio/sera locali celle temporalesche andranno infine ad attivarsi anche nelle pedemontane e nelle adiacenti alte pianure occidentali, seppur in maniera ancora non organizzata.

SABATO 25 AGOSTO
Entriamo nel vivo della fenomenologia. Nella notte tra venerdì e sabato attendiamo il progressivo innesco di linee temporalesche anche in sede padana, distese indicativamente dal Pavese verso le pedemontane BG-BS. In questo frangente sono possibili locali nubifragi, con accumuli pluviometrici molto abbondanti stante la quasi-stazionarietà dei fenomeni, che tenderanno a rigenerare nei medesimi settori. Attenzione inoltre alle forti raffiche di vento in prossimità delle celle più intense. Entro il mattino di sabato i rovesci andranno via via a traslare verso i settori più orientali della regione.
La parte centrale della giornata di sabato vedrà tempo variabilmente soleggiato nei settori centro-occidentali, con maggiori addensamenti a ridosso dei rilievi alpini, dove piovaschi sparsi saranno possibili per tutta la giornata.
Dal tardo pomeriggio/sera andranno ad attivarsi temporali localmente intensi in fascia pedemontana ed alte pianure nord-occidentali, probabilmente con parziale esclusione del medio-alto Varesotto, Comasco e settore retico. In questo frangente sono possibili locali episodi di grandine, con forti colpi di vento.

DOMENICA 26 AGOSTO
Nel corso della notte tra sabato e domenica attendiamo il transito deciso del nucleo d’aria fredda in quota, con un duplice effetto. Nei settori alpini centro-occidentali, nonché in generale nelle province confinanti col Piemonte, l’ingresso di masse d’aria più asciutte e stabili determinerà un repentino miglioramento delle condizioni meteo. Nei settori centro-orientali, invece, in particolar modo dalle basse pianure fino alle vallate orobiche, si prevede forte maltempo, con rovesci e temporali sparsi che insisteranno verosimilmente fino al mattino di domenica. In questa fase frontale sarà importante monitorare eventuali accumuli pluviometrici localmente abbondanti, in particolar modo se il sistema depressionario dovesse rallentare più del previsto (non è esclusa una fase di occlusione frontale proprio in sede padana).
In mattinata di domenica rovesci residui insisteranno nelle province orientali, mentre i settori occidentali andranno via via a liberarsi. Entro il pomeriggio attendiamo un generale miglioramento su tutta la regione, con ampio soleggiamento e nubi residue quasi esclusivamente sul Mantovano.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La pubblicità con la quale riusciamo a garantirti tutto questo, gratuitamente, senza chiederti nulla in cambio, si è ridotta a causa delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Se puoi, ti chiediamo di sostenere il giornale online con un piccolo contributo.
Grazie!

Scegli il tuo contributo

Rispondi