meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue
Ven, 02/12/2022 - 22:50

data-top

venerdì 02 dicembre 2022 | ore 23:28

Aree EXPO: quale futuro?

Dopo l'Esposizione un grande Campus universitario e forse un Parco tecnologico.
Expo - Aree EXPO: quale futuro?

"Ho convocato per giovedì prossimo una riunione con gli azionisti di Arexpo, perché voglio partire. A settembre 2016 l'area può essere consegnata per cominciare a lavorare sul progetto del grande Campus universitario". Lo ha annunciato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, incontrando la Camera di Commercio americana in Italia e spiegando come potrebbero essere usate le aree Expo al termine della manifestazione.
"E' un area molto grande - ha detto Maroni - di oltre 100 ettari, molto ben servita e che, per regolamento Bie, dovrà essere ripulita entro giugno 2016. Tante sono le ipotesi e le idee su come riutilizzarla. Si sta ragionando sulla proposta dell'Università degli studi di Milano di trasferire lì il campus universitario, con le residenze e gli impianti sportivi. E' una cosa che interessa molto anche alla società proprietaria dei terreni che, però, al suo interno ha anche un socio privato, che è la Fondazione Fiera".
Maroni ha quindi spiegato che "per arrivare ad un azionariato completamente pubblico ho proposto al Governo di entrare nella società, rilevando le quote della Fiera". "Se poi arriva l'Università - ha aggiunto - potremo evitare di vendere i terreni, ma cedere il diritto di superficie".
Maroni si è detto d'accordo anche con la realizzazione di un Parco tecnologico a fianco dell'Università. "Si può fare in 2 fasi - ha concluso - prima il Polo
universitario e poi l'avvio della procedura per il Parco Tecnologico". L'unica condizione per il presidente lombardo è non ci sia "contrapposizione", ma "integrazione".

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi