meteo-top

Milano / Malpensa

Malpensa Nuvole discontinue 19°
Mar, 04/10/2022 - 10:50

data-top

martedì 04 ottobre 2022 | ore 11:49

4 reti, l'Inter avanti in coppa

Battuto il Cittadella nella prima vera sfida stagionale, valevole per la coppa Nazionale. Bene Palacio (doppietta). In gol anche Jonathan e Ranocchia. Adesso il campionato.
Sport Nazionale - Inter, avanti in coppa (Foto sito Inter)

Mazzarri aveva chiesto una squadra tosta, caparbia e tenace, l'Inter ha fatto molto di più, ha rifilato ben 4 reti, cosa che non si vedeva da mesi e mesi. Di reti presi, fin troppe, di fatte, invece, c'era molta fatica. Ma, niente proclami o celebrazioni, il "difficile" arriva adesso, che il campionato sta ormai per partire e allora "non si scherzerà più". Intanto, la soddisfazione per la vittoria di ieri, in casa contro il Cittadella (gara valida per la coppa Italia) arriva da alcune conferme importanti: il gruppo sta cominciando a recepire ciò che il suo allenatore gli chiede, come giocare la palla, il possesso, il pressing sugli avversari e gli inserimenti che tanto piacciono a "WM". Di strada c'è ne è ancora diversa da fare, perché dietro, come già successo più e più volte l'anno scorso, quegli spazi lasciati possono essere un macigno che alla fine pesa sul risultato. "Grazie san Handanovic", verrebbe da dire, perché di nuovo il numero 1 nerazzurro con tre - quattro interventi decisivi dimostra di essere già in forma. Bravo, comunque, il Cittadella, squadra tosta e di carattere che non è scesa in campo con la paura di avere di fronte una compagine di livello, ma ha cercato di fare la sua gara. Alla fine è 4 - 0 (doppietta di Palacio e un gol a testa per Jonathan e Ranocchia), e adesso tutti con la testa alla prima giornata in serie A. "Vietato sbagliare", l'urlo che si alza da Walter Mazzarri e dai tanti tifosi.

DAL NOSTRO INVIATO A SAN SIRO:
(DI EGIDIO MARCOLI) Prima partita ufficiale dell'era Mazzarri, contro un Cittadella ben organizzato e combattivo che nei primi venti minuti ingabbia i nerazzurri. L'inter parte con un 3-5-2, Handanovic tra i pali, la difesa schiearata con Campagnaro, Ranocchia e Juan Jesus. Centrocampo con gli esterni Nagatomo sulla sinistra, un ispirato Jonathan sulla destra, Cambiasso vertice basso, Alvarez e Guarin liberi di agire oltre la metà campo. Infine in attacco abbiamo Icardi e l'ottimo Palacio. La partita dura fino alla mezz'ora del primo tempo quando uno sciagurato intervento dell'ex interista Pecorini su Palacio causa il rigore e la giusta anche se fiscale espulsione. Al 31esimo minuto l'inter vince già 2 - 0, infatti prima del gol di Palacio aveva aperto le marcature al 17esimo un ottimo Jonathan di testa su passaggio di Guarin. Dopo il raddoppio c'è qualche timida reazione del Cittadella che esalta il sempre pronto Handanovic su bella sforbiciata di Pellizzer e Dumitru che sferra un grande tiro dal limite. Finisce il primo tempo con l'inter all'attacco, che sfiora più volte il terzo centro. Il secondo tempo riparte con la stessa formazione, ma con Kovacic che si scalda, nei primi minuti si vede un buon Alvarez sempre pronto a ripartire; al 57esimo il più bel gol della serata: gran palla di Guarin per Palacio che bagna il suo esordio stagionale con una doppietta, lo scettro del migliore in campo. Dopo il terzo gol girandola di sostituzioni con Kovacic che subentra a Guarin, Belfodil che entra al posto di Palacio. Kovacic si mostra subito in palla prendendo per mano il centrocampo e su una ripartenza delle sue nasce il corner che regala a Ranocchia il il quarto gol. La partita finisce qui: da registrare anche l'esordio stagionale di Pereira che sostituisce il sempre diligente Campagnaro. Rimane un'Inter ancora in rodaggio con Icardi veramente nullo e un Jesus troppo impulsivo nelle entrate, le due fasce sono ancora un cantiere aperto anche se Jonathan ha giocato bene e si è proposto spesso al cross. Ma la parte sinistra con Nagatomo fatica a crossare anche perchè il giapponese spesso deve rientrare per mettersi la palla sul suo piede preferito, il destro. Note liete Kovacic, Palacio, un rivalutato Alvarez, scommessa di Mazzarri, arretrato alla Pirlo potrebbe essere la sorpresa del campionato.

Sostieni


Siamo al lavoro per offrire a tutti un’informazione precisa e puntuale attraverso il nostro giornale Logos, da sempre gratuito. La gratuità del servizio è possibile grazie agli investitori pubblicitari che si affidano alla nostra testata. Se vuoi comunque lasciare un tuo prezioso contributo scrivi ad amministrazione [at] comunicarefuturo [dot] com
Grazie!

Rispondi